FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Terremoto, il Consiglio dei ministri approva il decreto

Nella giornata di lunedì il premier Conte aveva incontrato i rappresentanti dei territori devastati dal terremoto

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto terremoto con misure per le zone del Centro Italia colpite dal sisma del 2016. Lo si apprende da fonti di governo. Tra le principali disposizioni previste, il testo dispone la proroga fino al 31 dicembre 2020 dello stato d'emergenza per i territori colpiti.

Luci e ombre del decreto - Il decreto legge sul sisma dell'Italia Centrale in giornata aveva incassato la soddisfazione dei sindaci ma anche qualche mugugno di troppo da parte dei presidenti delle Regioni. Non a caso lunedì tutti i rappresentanti dei territori devastati dal terremoto si erano presentati all'incontro con il governo e con il premier Conte portando sotto il braccio un numero considerevole di emendamenti.

 

"Avrei preferito, e l'ho ricordato al tavolo con il governo, che il testo del decreto fosse scritto insieme ai protagonisti dei territori, e non fare invece, come avviene tradizionalmente, che prima si scrive un testo e poi lo si sottopone al parere dei diretti interessati", ha detto il governatore dell'Abruzzo Marco Marsilio, spiegando il suo "malumore". "Non c'è più tempo da perdere, ora mi aspetto che il governo dia seguito a questo confronto - ha aggiunto - e che dall'approvazione del decreto fino alla sua conversione in legge il tavolo di oggi accompagni il percorso parlamentare e ci si fidi finalmente delle proposte che arrivano in maniera trasversale dal territorio, che sono condivise da presidenti, sindaci e amministrazioni di tutti i colori politici".

 

Sulla stessa lunghezza d'onda anche Luca Ceriscioli, governatore delle Marche: "Buono quello che è scritto ma è limitato rispetto a tutte le necessità. Dopo tre anni serve uno scatto più forte, speriamo che nella riconversione questo si veda".

 

La lunga lista di emendamenti dei sindaci - I sindaci da parte loro hanno parlato del dl come di "un buon inizio", ma intanto hanno già approntato una lunga lista di emendamenti. Tra questi: una governance efficace in grado di coinvolgere le Regioni colpite dal sisma del 2016 insieme ai Comuni e all'Anci nella ricostruzione; norme specifiche per il personale sulla riclassificazione delle sedi dei segretari comunali per favorire la loro effettiva copertura nelle zone del sisma; e ancora semplificazione delle norme per favorire sia la ricostruzione pubblica che quella privata.

 

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali