FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tav, Salvini: "Si farà come sempre chiesto dalla Lega" | M5s: "Sia il Parlamento a esprimersi"

Duri i Cinquestelle piemontesi: "Inaccettabile, governo vada a casa", dice la consigliera regionale valsusina Frediani. Airola: "La battaglia non può finire così". I No Tav: "Non abbiamo governi amici"

Tav, Salvini: "Si farà come sempre chiesto dalla Lega" | M5s: "Sia il Parlamento a esprimersi"

"La Tav si farà, come giusto e come sempre chiesto dalla Lega. Peccato per il tempo perso, adesso di corsa a sbloccare tutti gli altri cantieri fermi". Lo dice il vicepremier Matteo Salvini, dopo le parole del premier Conte che di fatto danno il via libera all'Alta velocità. Il Movimento 5 Stelle chiede che sia "il Parlamento a esprimersi" e ribadisce il "No" all'opera.

"Alla luce delle dichiarazioni del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che ringraziamo per l'impegno, chiederemo che sia il Parlamento ad esprimersi e in aula vedremo l'esito della votazione. Vedremo chi è a favore di un progetto vecchio di 30 anni e chi invece sceglierà di avere coraggio", scrivono in una nota congiunta i capigruppo del Movimento 5 Stelle al Senato e alla Camera, Stefano Patuanelli e Francesco D'Uva. "In merito alla Tav, la posizione del Movimento 5 Stelle non cambia. Il nostro No a un'opera che rischierebbe di nascere già vecchia è deciso".

Di Maio: "Resta un'opera dannosa" - "Ho ascoltato attentamente le parole del presidente Conte, che rispetto - commenta il vicepremier Luigi Di Maio -. E' stato chiaro, ora è il Parlamento a doversi esprimere. Nel corso del tempo si sono succeduti nove governi, sono passati - ripeto - quasi 30 anni. Parliamo di un'era oramai remota, eppure qualcuno, adesso, vorrebbe farci credere che la priorità del Paese sia questa. Media, giornali, apparati, tutto il sistema schierato a favore. Non noi. Non il MoVimento 5 Stelle. Per noi la Torino-Lione era e resta un'opera dannosa".

I Cinquestelle piemontesi: "Inaccettabile" - I più duri sono però i pentastellati piemontesi. "Un governo di cui fa parte il M5s dà l'ok alla Tav? Inaccettabile", dice la consigliera regionale Francesca Frediani, valsusina e No Tav. "Il #tuttiacasa stavolta sarebbe per voi". Alberto Airola, parlamentare torinese del Movimento 5 Stelle, si dice "affranto. Una battaglia che facciamo da anni, non deve finire così. Ora stiamo a vedere come proseguono le cose - aggiunge - ma di fatto dal discorso di Conte il Tav si farà. Non avete idea di quante mail gli ho scritto dopo averlo incontrato e spiegato che potevamo sospendere tutto".

No Tav: "Nessun governo amico" - "Pensavate che stavolta al governo l'avrebbero fermato? Scherzetto... Ve l'avevamo detto che non abbiamo governi amici". È il primo commento comparso su una pagina internet satirica riconducibile al movimento No Tav della Val di Susa.

Cirio: "E' un sì che il Piemonte aspettava da tempo" - Soddisfazione, invece, dal presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio. "Finalmente dal premier Conte parole chiare e di apertura sulla Tav che confermano la posizione che la regione ha da sempre sull'opera. Queste erano le dichiarazioni che attendevamo da tempo. E ora si proceda con la formalizzazione all'Europa di questa posizione - aggiunge - e si vada avanti con i cantieri. Il Piemonte non può più aspettare".

Zingaretti: "Perso più di un anno" - Su twitter arriva anche il commento del segretario del Pd, Nicola Zingaretti. "Ora Conte annuncia che il governo è per il sì alla Tav - scrive -. Nella migliore delle ipotesi abbiamo perso più di un anno. Nella peggiore un altro giro di valzer che non porterà a nulla. Povera Italia".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali