FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Elezioni, la Direzione Pd approva le liste ma la minoranza non vota

Andrea Orlando polemico: "Combatteremo per vincere ma si è sbagliato il metodo". Renzi: esperienza devastante

La direzione del Pd ha approvato le liste ma ne esce un partito diviso. La minoranza non ha partecipato al voto: "Non c'è stata nessuna trattativa, i nomi li sentiamo solo ora", lamenta Orlando, parlando anche per Cuperlo ed Emiliano. Renzi sarà candidato nell'uninominale di Firenze al Senato e in due listini plurinominali. Lucia Annibali a Parma, Boschi a Bolzano, Nencini ad Arezzo, Benedetto Della Vedova a Prato. Gianni Cuperlo a Sassuolo.

Il Pd esce più debole da questa nottata, dopo la spaccatura sulle liste? "No, il Pd deve vincere e combatterà qualunque sia la decisione presa. Ma riteniamo che il modo scelto non sia giusto", ha detto  ancora lo stesso Andrea Orlando, lasciando il Nazareno.

Renzi: esperienza devastante - "Questa è una delle esperienze peggiori, una delle esperienze più devastanti dal punto di vista personale. Il lavoro che abbiamo fatto sulle liste ci ha visto mettere il cuore e questo vuol dire conoscere l'amarezza per chi e' rimasto fuori. Da domani mattina dobbiamo fare una grande battaglia perché la squadra avversaria è impegnativa e forte ma meno forte di noi", ha detto Matteo Renzi in direzione Pd. "Abbiamo scelto pochi innesti esterni nelle liste", aggiunge.

Ecco alcuni dei candidati - Lucia Annibali correrà a Parma, Riccardo Nencini nel difficile collegio di Arezzo, Benedetto Della Vedova a Prato. Gianni Cuperlo a Sassuolo, Gianni Pittella a Potenza. Sono alcuni dei nomi che emergono dalla lettura delle liste Pd per le politiche in direzione. Saranno candidati Beppe Fioroni, Cesare Damiano, Barbara Pollastrini, che in un primo momento erano stati esclusi. Resta fuori il coordinatore di Dem Andrea Martella.

E' il lista anche l'ex presidente della Basilicata Vito De Filippo. Torna in Parlamento il costituzionalista Stefano Ceccanti e tra le new entry c'è il portavoce di Gentiloni (e già di Renzi), Filippo Sensi. In Campania sarà candidato Giuseppe De Mita, nipote di Ciriaco, ma anche Franco Alfieri, ex sindaco di Agropoli che era finito nella bufera per aver suggerito di offrire "fritture" per la campagna elettorale per il referendum.

Il premier Gentiloni candidato a Roma e in listini Marche-Sicilia - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà candidato per la Camera nel collegio uninominale Roma 1 e in due listini proporzionali nelle Marche e in Sicilia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali