FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Comunali, sconfitta M5s: fuori dai ballottaggi delle grandi città | Palermo riconferma Orlando

In molte delle città chiamate al voto si torna al "classico" scontro centrodestra-centrosinistra. Il primo schieramento è in testa a Genova e Verona. Affluenza in calo

Il M5s resta fuori dai testa a testa delle principali città al voto, dove al ballottaggio si è tornati al "classico" scontro centrodestra-centrosinistra. A Palermo ormai certa la riconferma al primo turno del candidato di centrosinistra Leoluca Orlando (oltre il 45%). Affluenza in calo rispetto alle precedenti tornate omologhe: ha votato infatti il 60,07% degli aventi diritto.

Comunali, le sfide nei 25 comuni capoluogo

La doccia fredda del M5s - Doccia fredda per il M5s: secondo i dati ancora non definitivi, i pentastellati sarebbero infatti fuori dal ballottaggio nei capoluoghi di Regione: Genova (dove Beppe Grillo giocava in casa e si è reso protagonista della scelta del candidato Luca Pirondini, cestinando con un "fidatevi di me" Marika Cassimatis scelta dalla rete), L'Aquila e Catanzaro.

Il successo di Leoluca Orlando a Palermo - Per l'altro capoluogo di Regione al voto, Palermo, la corsa alla poltrona di primo cittadino si sarebbe chiusa già al primo turno con la riconferma di Leoluca Orlando, dato a oltre il 45% (in Sicilia vince chi arriva al 40%).

A Genova è in testa il centrodestra con Bucci - Il candidato sindaco del centrodestra, Marco Bucci, ha conquistato il ballottaggio per la carica di sindaco di Genova con oltre il 38% dei voti, staccando di oltre 5 punti percentuali il candidato del centrosinistra Gianni Crivello, che ha ottenuto il 33,4% delle preferenze. "E' un risultato storico - ha dichiarato Bucci -. Genova ha voglia di cambiare, di diventare una città moderna che pensa al futuro, una città che può essere la prima città del Mediterraneo. I genovesi vogliono cambiare e questo è il segnale più importante". "Finisce il primo tempo di una partita giocata, come immaginavamo, sul filo del rasoio", ha commentato Crivello.

Verona, ballottaggio Sboarina-Bisinella - A Verona il centrodestra rompe con il sindaco uscente Flavio Tosi, che ha appoggiato la candidatura della sua compagna Patrizia Bisinella (senatrice del gruppo Fare, ha ottenuto il 23,62% dei voti). A primeggiare è il candidato del centrodestra Federico Sboarina, che porta a casa il 29,3% delle preferenze. La candidata del centrosinistra Orietta Salemi non è andata oltre il 22,4%.

Padova, ballottaggio Bitonci-Giordani - Ballottaggio a Padova tra Massimo Bitonci, sindaco leghista uscente sostenuto dal centrodestra, e il candidato del centrosinistra Sergio Giordani. Il primo ha conquistato il 40,2% dei voti, Giordani il 29,3%. A seguire Arturo Lorenzoni, alla guida di una coalizione civica dell'area di centrosinistra (22,8%). Il candidato del M5S Simone Borile ha ottenuto il 5,3% delle preferenze. Al ballottaggio anche gli altri due comuni padovani sopra i 15mila abitanti, Abano e Vigonza. Centrodestra in testa anche a Padova, dove il candidato Massimo Bitonci ottiene oltre il 40% dei voti. Se la vedrà il 25 giugno con Sergio Giordani, candidato per il centrosinistra.

Lampedusa: vince Martello, sconfitta Giusi Nicolini - A Lampedusa vittoria netta di Salvatore "Totò" Martello che, con 1.566 voti, ridiventa sindaco di Lampedusa e Linosa dopo quindici anni. Secondo arrivato è Filippo Mannino, che andrà all'opposizione dopo aver raggiunto il traguardo dei 1.116 voti. Terza e fuori dall'amministrazione il sindaco uscente, Giuseppina Nicolini, che con 908 preferenze non è riuscita ad ottenere consiglieri di opposizione. Quarta ed ultima l'ex senatrice Angela Maraventano, che è riuscita a racimolare appena 231 voti.

Il ritorno allo scontro centrodestra-centrosinistra a L'Aquila e Catanzaro - "L'esclusione" del M5s riporta al "classico" ballottaggio centrodestra-centrosinistra nelle principali città: succede a L'Aquila, dove, dopo due mandati di Massimo Cialente, se la vedranno Americo Di Benedetto, candidato del centrosinistra (dato al 44-48%) e Pierluigi Biondi, di centrodestra (dato al 41-45%) e dove il M5S con Fabrizio Righetti si ferma a un risultato a una cifra (tra il 4 e l'8%).

A Catanzaro il secondo turno dovrebbero giocarselo il sindaco uscente, Sergio Abramo del centrodestra, (dato tra il 40 e il 44%) e il candidato del Pd, Vincenzo Antonio Ciconte, (tra il 28 e il 32%). Sembra sfumare invece il sogno di Nicola Fiorita, sostenuto da liste civiche e di sinistra, tra il 21 e il 25%.

Parma e il caso Pizzarotti - Il M5s piange poi anche a Parma, definita esattamente cinque anni fa da Beppe Grillo "la Stalingrado d'Italia", in quanto primo Comune amministrato dai grillini. Nel centro emiliano l'ex Federico Pizzarotti, espulso dal comico genovese, è in testa con il 37% e sfiderà Paolo Scarpa, candidato del centrosinistra (al 29%).

Pizzarotti: risultato storico da soli a ballottaggio - "Voglio dire grazie ai Parmigiani che hanno creduto in un progetto nuovo, civico e libero. Arrivare al ballottaggio da soli è un risultato storico, che dimostra la forza del nostro gruppo, unito da valori e non dagli interessi. Adesso c'è bisogno di tutti per continuare a crescere". E' quanto scrive sulla sua pagina Facebook Federico Pizzarotti.

Affluenza in forte calo, a votare solo il 60,07% degli aventi diritto - Affluenza in forte calo in questo turno di elezioni comunali per eleggere consigli e sindaci di 1.004 città. A votare è andato solo il 60,07% degli aventi diritto: nel 2012, alla stessa ora, nelle omologhe aveva votato il 66,85%. Lo scorso anno, il 6 giugno del 2016, alle comunali aveva votato il 62,14% degli aventi diritto.

Affluenza, i migliori e i peggiori Comuni - Tra i 21 capoluoghi di Provincia, l'affluenza è andata oltre il 70% a Lecce , a Frosinone e a Rieti. Alta l'affluenza anche a Catanzaro dove ha votato il 72,50%. A Genova meno della metà degli elettori aventi diritto è andata a votare: il 48,38% Bassa l'affluenza anche a Como (49,12%) e a Parma (53,68%); meglio il 58,52% di Taranto. Buona l'affluenza a l'Aquila, dove ha votato il 67,77% degli aventi diritto.

Comunali, lʼaffluenza al primo turno

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali