FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Ronzulli eletta per acclamazione capogruppo di Forza Italia al Senato | Berlusconi: "Sarà brava in questo ruolo"

Per la Camera indicato l'onorevole Alessandro Cattaneo. Il leader azzurro: "In FI amarezza per la distribuzione dei collegi" 

berlusconi ronzulli
Facebook

Silvio Berlusconi ha scelto come nuovi capigruppo di Forza Italia l'onorevole Alessandro Cattaneo alla Camera e la senatrice Licia Ronzulli al Senato.

Quest'ultima, nel pomeriggio, è stata eletta presidente dei senatori di FI per acclamazione. "Conosco la senatrice da 30 anni è brava in tutto quello che ha fatto e sarà brava anche in questo ruolo", ha detto Berlusconi intervenendo alla riunione. L'elezione della Ronzulli è stata accompagnata da un applauso. Alla senatrice neo capogruppo è stato donato un mazzo di fiori. Salvini mercoledì vedrà Meloni: la Lega non rinuncia al Viminale e al ministero dell'Agricoltura.

 

"Sono sicuro - prosegue Berlusconi nella lettera ai parlamentari di Fi - che ancora una volta saprete dare il massimo nel lavoro parlamentare e che i nostri gruppi si distingueranno per la capacità di lavoro e di proposte concrete per risolvere i tanti problemi della nostra Italia. Sono anche lieto che i nostri gruppi siano, come è capitato più volte, connotati da una forte presenza di giovani e di signore".

 

"Permettetemi di complimentarmi per la vostra elezione e di ringraziarvi ancora per il contributo che avete dato alla nostra campagna elettorale - scrive Berlusconi ai neo eletti di Forza Italia -. Sono sicuro che ancora una volta saprete dare il massimo nel lavoro parlamentare e che i nostri Gruppi si distingueranno per la capacita' di lavoro e di proposte concrete per risolvere i tanti problemi della nostra Italia", conclude.

 

Berlusconi: "In Forza Italia amarezza per distribuzione collegi" - "In Forza Italia c'è profonda amarezza perché a parità di elettori con la Lega, il modo in cui sono stati distribuiti i collegi uninominali ci ha portato 20 deputati in meno e 10 senatori in meno. Per questo non io ma i miei senatori hanno voluto dare un segnale su questo tema chiedendo pari dignità con la Lega", ha detto Silvio Berlusconi.

 

 

Berlusconi: "Meloni vuole Nordio ma su Giustizia c'è Casellati" - Silvio Berlusconi torna poi sui ministri del prossimo governo in particolar modo sul nome che verrà proposto come Guardasigilli. "Il ministro della Giustizia sarà Nordio? No, lo incontro oggi ma c'è la ex presidente del Senato Elisabetta Casellati, su questo c'è accordo, assolutamente. Meloni ha suggerito, c'è Nordio che è bravissimo, magari ti convinci che è la scelta giusta, ma io sono già convinto che la scelta giusta è Casellati perché conosco le cose che ci sono da fare per la riforma della giustizia", ha detto Silvio Berlusconi, lasciando il Senato. 

 

Ronzulli: "Grazie a Berlusconi e ai senatori" - "Ringrazio il presidente Berlusconi per avermi indicato come presidente del gruppo Forza Italia a Palazzo Madama e tutti i senatori che hanno accolto questa proposta all'unanimità". Lo ha detto Licia Ronzulli, precisando che "ci aspetta un lavoro duro e impegnativo, ma certamente anche emozionante, che porteremo avanti tutti insieme, così come siamo abituati a fare. Da parte mia ricoprirò questo incarico con la massima responsabilità ed enorme dedizione certa di poter contare sul sostegno di tutti i colleghi".  

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali