FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Salvini: "Mi è arrivato un proiettile e non piango" | "Vedrò Liliana Segre più avanti"

Lʼex vicepremier smentisce lʼincontro di venerdì e annuncia che anche la Lega scenderà in piazza a sostegno della senatrice. Poi precisa: "Ciò che è privato rimanga tale"

salvini conferenza stampa

"A me è appena arrivato un altro proiettile e non piango. In un Paese civile non dovremmo rischiare né io né la Segre". Lo ha affermato Matteo Salvini. Il leader della Lega ha poi smentito il colloquio di venerdì a Milano con la senatrice a vita. "L'incontro con la Segre l'avrò più avanti - ha detto l'ex ministro dell'Interno -. Avverrà presto". "Ciò che è giusto resti nel privato rimanga tale", ha poi ripetuto per ben tre volte.

Anche la Lega in piazza a sostegno della Segre "Sì. Quando c'è qualcosa di democratico che riguarda il futuro lo sosteniamo". Così Salvini ha annunciato che anche la Lega scenderà in piazza a sostegno della senatrice Segre nella manifestazione dei sindaci del 10 dicembre a Milano.

 

"Chi parla di fascismo e comunismo è un nostalgico" "Il dibattito tra fascismo e comunismo che sono sepolti dal passato, non mi appassiona", ha aggiunto l'ex vicepremier, precisando che "oggi commemoriamo la caduta del Muro di Berlino, la fine di qualsiasi dittatura, fascista e comunista. Chi parla di fascismo e comunissimo nel 2019 è un nostalgico". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali