FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Salvini alla festa del Milan: un caso il saluto allʼultrà condannato per spaccio

Il ministro dellʼInterno: "Io indagato fra indagati", ma è polemica per lo scatto che immortala lʼabbraccio con Luca Lucci

Salvini alla festa del Milan: un caso il saluto all'ultrà condannato per spaccio

Un ministro dell'Interno che presenzia alla festa per i 50 anni di vita della Curva Sud della sua squadra del cuore è abbastanza insolito. Se poi si aggiunge uno scatto che immortala un saluto amichevole con Luca Lucci, uno dei capiultrà milanisti, arrestato solo pochi mesi fa in un'inchiesta per traffico di droga, ecco che esplode il caso. Domenica pomeriggio, all’Arena Civica di Milano, Matteo Salvini ha celebrato il Milan con altri 5mila tifosi. Ha tenuto a precisare che la sua presenza, in quella circostanza, era lontana dagli incarichi istituzionali: "Solo un indagato tra altri indagati", ha spiegato il leader leghista a chi gli ricordava la presenza di molti pregiudicati in quell'occasione. Ma i sorrisi e la stretta di mano con Luca Lucci non sono piaciuti.

Estorsione, traffico di droga, violenze, i capi d’imputazione per il 37enne rossonero. E' è da poco uscito di prigione (dopo aver patteggiato a settembre una pena di un anno e mezzo): era stato arrestato insieme ad altre 21 persone per traffico di droga nell'ambito di un’operazione della stessa Questura di Milano. In quell'operazione vennero sequestrati 600 chili di hashish, marijuana e cocaina e, stando all'indagine, fu proprio il “Toro”, come è soprannominato Lucci, a scovare e scollegare una telecamera della polizia utile alle indagini.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali