FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Rocco Casalino, spunta un audio dopo la tragedia di Genova: "Mi è saltato Ferragosto"

Il portavoce di Palazzo Chigi si scusa: "Mai voluto offendere Genova". Il messaggio, del 17 agosto, sarebbe stato mandato a una decina di giornalisti che lo assediavano di telefonate. Il Pd: "Si dimetta"

E' passata da poco la bufera su Rocco Casalino per un messaggio vocale contro i tecnici del Mef che spunta un nuovo audio shock del portavoce di palazzo Chigi. Subito dopo la tragedia di Genova, Casalino, infastidito dalle chiamate dei giornalisti, avrebbe detto: "Basta, non mi stressate, mi è saltato pure Ferragosto". L'audio è stato girato a una decina di cronisti. Lo riporta Il Giornale.

L'audio - Il messaggio risale al 17 agosto: sono passati tre giorni dal crollo del ponte Morandi. I giornalisti assediavano Casalino di chiamate probabilmente proprio per avere informazioni sulle mosse del Governo dopo la tragedia.

A un certo punto il portavoce si innervosisce e incide un messaggio vocale che invia poi ai cronisti. "Basta, non mi stressate la vita. Io pure ho diritto a farmi magari un paio di giorni, che già mi è saltato Ferragosto, Santo Stefano, San Rocco e Santo Cristo. Mi chiamate come i pazzi, cioè, datevi una calmata". Seguono poi indicazioni di comportamento: "Chiamate una volta, poi se mai mi mandate un messaggio e se ho qualcosa da dirvi ve la dico".

Le scuse di Casalino: "Mai voluto offendere Genova" - "Sento di dover chiedere scusa per l'effetto prodotto da un mio audio privato finito sui giornali", ha detto Casalino. "Nelle mie parole - ha comunque aggiunto - non c'è mai stata la volontà di offendere le vittime di Genova. Offende, invece, l'uso strumentale che alcuni giornali stanno facendo di questa tragedia".

#RoccoVergogna - In risposta il Pd ha chiesto le dimissioni del portavoce e ha lanciato sui social l'hashtag #RoccoVergogna. "Crolla il Ponte di Genova e il portavoce del Governo pensa al ponte di Ferragosto? Ma dove siamo finiti con questo Casalino? Gli è saltato Ferragosto, poverino #RoccoVergogna”, ha twittato Matteo Renzi. “Casalino, quello dei funerali di Stato trasformato in show, quello che rappresenta la comunicazione del M5s e della presidenza del consiglio, quando ancora si scavava tra le macerie a Genova, si preoccupava di non aver rovinato il Ferragosto. L’Italia non merita questo pagliaccio”, gli ha fatto eco Davide Faraone.

“La rivelazione delle parole pronunciate da Rocco Casalino il giorno dopo della tragedia di Genova impongono al presidente del Consiglio Conte di allontanarlo dall’incarico di suo ‘portavoce’. Una persona simile non può rappresentarlo né essere la sua ‘voce’. Se non lo facesse si renderebbe complice di comportamenti incivili e ci si dovrebbe domandare perché non lo fa”, ha osservato il deputato Roberto Morassut. “Di fronte ai morti di Genova ecco la vera preoccupazione del portavoce del premier Giuseppe Conte: “Mi salta il Ferragosto”. A casa subito! #RoccoVergogna”, ha twittato l’ex ministra del Pd Valeria Fedeli.

Salvini: "Non fatemi parlare di Casalino" - "Non fatemi parlare di Casalino. Sono qui per risolvere i problemi non per parlare di nuovi". Lo ha detto il vicepremier Matteo Salvini dopo aver incontrato gli sfollati di ponte Morandi a proposito della polemica sulle frasi del portavoce del premier Casalino per aver saltato le ferie per il crollo del viadotto.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali