FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Renzi: un governo per evitare lʼaumento dellʼIva | Zingaretti: no a un Conte bis

Favorevolissimo a una intesa con M5s è Matteo Renzi. Mercoledì la Direzione deciderà la linea del partito in vista delle consultazioni al Quirinale

Renzi: un governo per evitare l'aumento dell'Iva | Zingaretti: no a un Conte bis

Conte si è dimesso: che cosa farà il Pd? Il governo populista "ha fallito", "c'è da evitare l'aumento dell'Iva e serve un governo", afferma il senatore del Pd Matteo Renzi in aula al Senato. Ma il segretario Dem Zingaretti frena: "Qualsiasi nuova fase politica non può non partire dal riconoscimento dei limiti strutturali di quanto avvenuto in questi mesi", in pratica un no a un Conte bis. Attesa per la direzione Pd di mercoledì.

"Discontinuità", dunque, è quella che Zingaretti proporrà mercoledì alla Direzione del partito, come condizione per intraprendere una trattativa con M5s per dar vita a un nuovo governo. Una discontinuità innanzitutto di linea politica su punti come i decreti sicurezza, ma anche sui nomi a partire da quello di Conte, che non potrebbe, secondo Zingaretti, guidare l'esecutivo giallo-rosso, senza tuttavia escludere ruoli alternativi importanti come quello di ministro degli Esteri.

Subito dopo l'intervento di Conte in Senato, Zingaretti, in una nota, ribadisce quello che in Aula hanno affermato i senatori Dem (Franco Mirabelli, Luigi Zanda, Matteo Renzi, Andrea Marcucci), cioè la "condivisione" del duro giudizio su Salvini. Ma ciò che non è piaciuto al segretario Dem è "l'autoassoluzione" di Conte: "Perché attendere la mozione di sfiducia della Lega - chiede Zingaretti - per denunciare le cose attribuite a Salvini? Senza contare i disastri fatti da governo su "economia, lavoro, crescita e sviluppo". Insomma un giudizio secco su Conte, condiviso da altri interventi di senatori Dem in Aula. Un no di Zingaretti - è l'interpretazione - a un eventuale Conte bis; il che non impedirebbe per lui un ruolo diverso, magari alla Farnesina, visto che uno dei punti programmatici dell'eventuale nuovo esecutivo sarebbe l'europeismo.

Certo, come dice in Aula Luigi Zanda, per il Pd "il populismo è cosa diversa dal sovranismo", quindi i Dem sono pronti a dialogare con M5s. La Direzione di mercoledì mattina darà il mandato a Zingaretti per aprire l'eventuale trattativa dopo le consultazioni al Quirinale. Il Pd non si dovrebbe presentare con il cappello in mano ma chiedendo una "discontinuità" rispetto al governo gialloverde. Innanzitutto eliminando le parti "incostituzionali" dei due decreti sicurezza; in positivo - e qui l'intesa sembra più facile - investimenti nelle politiche ambientali, nella scuola, nella sanità, il taglio del cuneo fiscale, oltre alle risorse per sterilizzare l'aumento dell'Iva. Se l'intesa non dovesse andare in porto, ha spiegato la senatrice Roberta Pinotti, questa diverrebbe la piattaforma elettorale per le urne che potrebbero arrivare a fine ottobre. Zingaretti, infatti, rimane cauto sull'esito delle trattative con M5s.

Renzi: "Il populismo è sconfitto" - Se è vero che nel Pd c'è un partito favorevole alle urne, aumentano i favorevoli a un nuovo esecutivo con M5s, che aprirebbe scenari interessanti anche per le ravvicinate elezioni regionali in Umbria, Calabria ed Emilia Romagna. Favorevolissimo a una intesa con M5s è Matteo Renzi, soddisfatto della svolta che ha impresso a questa crisi: "Ho portato la palla sin qui, ora non sono più centrale" si schermisce. Non vuole nemmeno dire la sua sul futuro premier, nemmeno su un eventuale Conte bis ("non apro bocca") ma garantisce che né lui né Luca Lotti e Maria Elena Boschi entreranno nell'eventuale governo.

L'intervento di Renzi al Senato - VIDEO

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali