FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Referendum propositivo, la Lega non presenta emendamenti al ddl per introdurre il quorum

Il presidente della Commissione Affari costituzionali, Giuseppe Brescia (M5s): "Eʼ un altro segno di compattezza della maggioranza"

La Lega non ha presentato emendamenti al ddl di riforma costituzionale che introduce il referendum propositivo. Lo riferisce il presidente della Commissione Affari costituzionali, Giuseppe Brescia (M5s), alla scadenza del termine per proporre modifiche al testo. Nei giorni scorsi si era parlato di un emendamento leghista per introdurre il quorum, non previsto dal ddl. "E' un altro segno di compattezza della maggioranza", ha commentato Brescia.

"Del resto non contenevano quorum né il testo base già votato un mese fa in commissione dalla Lega, né la proposta di legge M5s-Lega", ha sottolineato Brescia. La commissione inizierà i lavori mercoledì 9 gennaio. Il testo è atteso in aula mercoledì 16 gennaio.

"In questo percorso - ha aggiunto Brescia - deve guidarci il metodo saggiamente indicato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte nella conferenza stampa di fine anno: sulle riforme costituzionali decide il Parlamento, non il governo. Non facciamo gli errori di chi ha già fallito in passato senza cambiare nulla e ci ha lasciato in eredità mille parlamentari e strumenti troppo deboli per far sentire la voce dei cittadini".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali