FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Poletti: "Più opportunità di lavoro con il calcetto che inviando curricula"

Nuova bufera sul ministro, dopo le polemiche per le sue parole sulla fuga di cervelli. Lui si difende: "Strumentalizzate le mie dichiarazioni"

"Si creano più opportunità di lavoro giocando a calcetto che mandando in giro curricula". E' polemica sulle parole che il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha pronunciato durante un incontro a Bologna con gli studenti di un istituto tecnico professionale. Poletti era già finito nella bufera per le sue dichiarazioni sulla fuga di cervelli. "Centomila giovani all'estero? In alcuni casi è un bene non averli più tra i piedi", aveva detto.

Secondo Poletti, la dinamica delle relazioni è importante per il futuro lavorativo e "i rapporti che si instaurano nel percorso di alternanza scuola lavoro fanno crescere il tasso di fiducia e quindi le opportunità lavorative".

"Polemiche strumentali, non ho mai sminuito il curriculum" - Dopo le polemiche, Poletti è tornato sulle sue parole. Sono state "strumentalizzate alcune frasi che ho pronunciato in occasione di un incontro con gli studenti - ha spiegato -, frasi che loro hanno compreso e condiviso nel loro significato". "Non ho mai sminuito il valore del curriculum e della sua utilità. Ho sottolineato l'importanza di un rapporto di fiducia che può nascere e svilupparsi anche al di fuori del contesto scolastico. E quindi dell'utilità delle esperienze che si fanno anche fuori dalla scuola".

M5s: "Parole del ministro da cartellino rosso" - "Dal ministro Poletti arriva l'ennesimo intervento a gamba tesa e, è il caso di dirlo, un calcio in faccia ai molti giovani disoccupati. Ormai non ci sono più commenti sulla sua scarsa sensibilità". E' da cartellino rosso". Così i deputati M5s della Commissione Lavoro in merito alla battuta del ministro. "Invece di dire stupidaggini, Poletti avrebbe dovuto operare per creare occupazione e non precarietà", è il loro affondo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali