FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Pd, Renzi: "No alla conta in direzione" | Ma la minoranza insiste

Il segretario uscente: "Eʼ un bluff dire che in direzione sono favorevoli allʼaccordo". Franceschini: "Qualcosa di profondo non va"

Matteo Renzi ritiene di avere i numeri contro l'accordo M5s-Pd. Intanto, però, si va alla conta in direzione Pd. Il tentativo di Lorenzo Guerini di evitare un voto non ha sortito l'effetto sperato, almeno finora, e si potrebbe arrivare davvero ad una spaccatura. Anche perché, in realtà, la mossa di Guerini non è stata esattamente accolta come un gesto distensivo da parte del fronte che chiedeva almeno di andare a vedere le carte dei 5 Stelle.

Pd, i numeri in direzione pro e contro il patto di governo con M5s

Renzi: "Spero non trovino pretesti per rompere" - E' un bluff la tesi fatta circolare dai "non renziani" del Pd, secondo la quale i numeri in direzione sarebbero a favore dell'area "governista" del partito. Lo avrebbe detto Matteo Renzi ai senatori con cui si è fermato a parlare dopo l'assemblea del gruppo a Palazzo Madama. "Spero non vogliano cogliere pretesti per rompere", avrebbe aggiunto. Non capisco come si possa pensare a un accordo di governo con i 5 Stelle, avrebbe proseguito Renzi che si è mostrato sorpreso dalla reazione nel partito all'intervista rilasciata domenica in tv su un eventuale governo con il Movimento. Non mi sarei aspettato - è il senso del ragionamento - reazioni di questo tipo: è pazzesca la pretesa che non possa più dire la mia. Non possono pensare che, da senatore, io la smetta di dire quello che penso.

Il Documento dell'ala renziana - Niente "conte interne" alla Direzione del Pd di giovedì. Lo "stallo politico è frutto dell'irresponsabilità" di M5s e centrodestra. Sì al confronto ma niente fiducia "a un governo guidato da Salvini o Di Maio". Sono questi i tre punti di un breve documento predisposto dai renziani sui quali da martedì è iniziata una raccolta di firme tra parlamentari e membri della Direzione del Partito Democratico. Al momento sarebbero state raccolte le firme di 77 deputati su 105 e 39 senatori su 52. Tra i firmatari anche i capigruppo Delrio e Marcucci.

"Siamo parlamentari eletti con il Pd e membri della Direzione - esordisce il documento - Proveniamo da storie e percorsi diversi. Non sappiamo se il prossimo congresso ci vedrà sulle stesse posizioni o se, del tutto legittimamente, sosterremo candidati diversi. Pensiamo tuttavia che tre punti chiave ci uniscano in modo forte"

Nel documento vengono poi esplicitati i punti cardine in vista della Direzione: "1. Crediamo dannoso fare conte interne nella prossima Direzione. È più utile riflettere insieme sulla visione che ci attende per le prossime sfide e sulle idee guida del futuro del centrosinistra in Italia.

"2. Crediamo - si legge ancora - che lo stallo creato dal voto del 4 marzo sia frutto dell'irresponsabilità del Centrodestra e del Movimento Cinque Stelle che con la loro campagna elettorale permanente hanno messo e stanno continuando a mettere in difficoltà il nostro Paese.

"3. Crediamo che il Pd debba essere pronto a confrontarsi con tutti, ma partendo dal rispetto dell'esito del voto: per questo non voteremo la fiducia a un governo guidato da Salvini o Di Maio. Significherebbe infatti venire meno al mandato degli elettori democratici. È utile invece impegnarci a un lavoro comune, insieme a tutte le altre forze politiche, per riscrivere insieme le regole del nostro sistema politico-istituzionale", conclude il documento.

Non renziani chiederanno voto su mandato a Martina - Tutte le componenti del Pd che non fanno capo a Renzi, sono orientate a chiedere in Direzione un voto sul mandato del reggente Maurizio Martina fino all'Assemblea nazionale. E' quanto riferisce l'Ansa dopo aver contattato gli esponenti delle componenti che fanno capo a Franceschini e Fassino, ad Andrea Orlando, a Gianni Cuperlo, a Michele Emiliano, a ReteDem e allo stesso Martina.

L'ira di Franceschini :"Qualcosa di profondo non va" - "Quando in una comunità politica alla vigilia di una discussione seria che riguarda il partito e il Paese si arriva a questo, c'è qualcosa di profondo che non va". Lo scrive su Twitter Dario Franceschini, rinviando al sito senzadime.it, che raccoglie le liste di componenti della direzione favorevoli e contrari alla trattativa sul governo con il M5s.

Pd
Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali