FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Martina dopo la chiusura di Renzi a M5s: "Così è impossibile guidare il Pd" | Lʼex premier: "Ho il diritto-dovere di illustrare le mie scelte"

Il segretario reggente: "Quanto accaduto è molto grave. Ma non mi dimetto"

Martina dopo la chiusura di Renzi a M5s: "Così è impossibile guidare il Pd" | L'ex premier: "Ho il diritto-dovere di illustrare le mie scelte"

"Ciò che è accaduto in queste ore è grave, nel metodo e nel merito. Così un Partito rischia solo l'estinzione e un distacco sempre più marcato con i cittadini e la società". Lo ha dichiarato il segretario reggente del Pd, Maurizio Martina, dopo le parole di Renzi che aveva escluso un qualsiasi accordo di governo con il M5s. "E' impossibile guidare un partito in queste condizioni", ha aggiunto.

Martina: "Parlerò in Direzione" - "Stiamo vivendo una situazione politica generale di estrema delicatezza - ha ripreso il segretario reggente -. Per il rispetto che ho della comunità del Partito democratico porterò il mio punto di vista alla Direzione Nazionale di giovedì che evidentemente ha già un altro ordine del giorno rispetto alle ragioni della sua convocazione. Servirà una discussione franca e senza equivoci perché è impossibile guidare un partito in queste condizioni e per quanto mi riguarda la collegialità è sempre un valore, non un problema". Ha poi precisato: "Continuo a pensare che il Pd abbia innanzitutto bisogno di una vera ripartenza su basi nuove". E ha sottolineato che "alle dimissioni non penso assolutamente. Il tema è un altro". 

Il no dell'ex premier a Di Maio - In precedenza Matteo Renzi, intervenendo in tv, aveva chiuso le porte definitivamente all'ipotesi di un governo con Di Maio, dichiarando: "Siamo seri, chi ha perso le elezioni non può andare al governo. Non si può ignorare l'esito delle elezioni del 4 marzo, il Pd ha perso e chi ha vinto deve assumersi le sue responsabilità e governare". Aveva invece espresso disponibilità a discutere sulle riforme precisando che il partito non intende "diventare socio di minoranza della Casaleggio".

"Diritto-dovere di illustrare le mie scelte" - Successivamente, l'ex premier twitta: "Sono stato eletto in un collegio. Ho il dovere, non solo il diritto, di illustrare le mie scelte agli elettori. Rispetto chi nel Pd vuole andare a governare con .M5s, ma credo sarebbe un grave errore. E qui spiego il perché", postando il video sull'intervista con Fabio Fazio.

Franceschini: Renzi irrispettoso, ora serve un chiarimento - "E' arrivato nel Pd il tempo di fare chiarezza. Dalle sue dimissioni Renzi si è trasformato in un Signornò, disertando ogni discussione collegiale e smontando quello che il suo partito stava cercando di costruire. Un vero leader rispetta una comunità anche quando non la guida più". Lo scrive su Twitter Dario Franceschini.

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali