FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pd, comincia la volata per la segreteria: dibattito in tv fra i tre candidati

"La questione sociale è il nostro tallone dʼAchille", afferma Martina. Zingaretti: "Se ci fosse una crisi di governo, da segretario chiederei le elezioni anticipate". Giachetti: "Sono leale al progetto Renzi"

Conto alla rovescia per le primarie del Pd per scegliere il nuovo segretario, fissate il 3 marzo. A due settimane dall'appuntamento i candidati Nicola Zingaretti, Roberto Giachetti e Maurizio Martina espongono il loro progetto per il partito a In mezz'ora di Lucia Annunziata. "Abbiamo pagato il prezzo di troppe divisioni e non abbiamo compreso che le disuguaglianze crescevano - dice Martina -. La questione sociale è il nostro tallone d'Achille".

Le primarie - Il 3 marzo dalle 8 alle 20 potranno votare le elettrici e gli elettori che "dichiarino di riconoscersi nella proposta politica del Pd e accettino di essere registrati nell'Albo pubblico". Occorrono un documento di riconoscimento, la tessera elettorale e due euro (tranne per i tesserati). La preferenza si esprime tracciando un solo segno su una delle liste di candidati all'Assemblea nazionale.

Martina: "Proporrò una segretaria unitaria" - "Non serve a un grande partito la fedeltà al leader. I miei avversari non sono Zingaretti e Giachetti, ma Salvini e Di Maio: se vinco proporrò una segreteria unitaria. L'unità delle nostre forze non è retorica, ma una necessità di fronte a questa destra", prosegue Martina.

L'ex ministro delle Politiche agricole poi che "nella lotta alla povertà, il reddito d'inclusione l'abbiamo fatto tardi. Dovevamo essere più radicali con alcuni interventi: avremmo dovuto fare il salario minimo reale. Per quanto riguarda il nostro interno dico solo due regolette: un partito si guida, non si comanda. Ci sono maggioranze e minoranze, non maggioranze e opposizioni. Serve pluralità del pensiero e dei contenuti in grado di fare sintesi e fare unità".

Zingaretti: "Voto anticipato se ci sarà crisi e io sarò segretario" - "Se ci fosse una crisi di governo e fossi segretario, ferme le prerogative del Capo dello Stato, chiederei le elezioni anticipate", afferma da parte sua Nicola Zingaretti. "Il 3 marzo saranno le primarie per l'Italia. Andate tutti a votare e votate chi volete per una grande giornata popolare. Il mio primo atto da segretario sarà convocare degli stati generali su tre temi: lavoro, sostenibilità ambientale e scuola".

"I tagli agli enti locali hanno provocato rabbia" - "Negli ultimi dieci anni si sono tagliati i trasferimenti agli enti locali che hanno impoverito" la popolazione e "quella rete di protezione sociale sui territori", sottolinea Zingaretti spiegando le ragioni della sconfitta elettorale del 4 marzo 2018. Questa mancanza ha prodotto "insicurezza e rabbia che si è riversata contro coloro che dovevano essere i primi a difendere questo punto".

Giachetti: "Sono giachettiano, ma fedele al progetto Renzi" - "Io sono giachettiano, ma sono leale al progetto politico iniziato da Matteo Renzi, pur con errori compiuti", dichiara invece Roberto Giachetti. "Il mio primo atto da segretario sarà chiedere scusa a tutti i candidati delle elezioni amministrative ed europee che si trovano a dover affrontare campagne elettorali con un partito ancora senza leadership".

"A luglio dissi di fare le primarie subito", ribadisce Giachetti. "Ora ci troviamo a fare le elezioni regionali in Abruzzo e in Sardegna senza un segretario. Chi verrà, avrà giusto il tempo di fare le liste per le europee. La colpa? Francheschiniani, Zingarettiani.... Tutti quanti volevano spostare ed hanno spostato il Congresso".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali