FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nuovo dpcm, Anci: "Coprifuoco è scaricabarile sui Comuni" 

Nel provvedimento il presidente del Consiglio ha previsto che siano i sindaci a decidere lʼeventuale chiusura di vie e piazze dove si possano creare assembramenti

antonio decaro sindaco bari anci
lapresse

"Il governo inserisce in un dpcm una norma che sembra avere il solo obiettivo di scaricare sulle spalle dei sindaci la responsabilità del coprifuoco agli occhi dell'opinione pubblica. Questo non lo accettiamo". Così il presidente dell'Anci, Antonio Decaro sottolineando che "nei momenti difficili le istituzioni si assumono le responsabilità non le scaricano su altre istituzioni con cui lealmente dovrebbero collaborare".

"I sindaci - prosegue Decaro - sono abituati ad assumersi le loro responsabilità. Vorremmo che tutte le istituzioni facessero lo stesso". Origine dello scontento dei primi cittadini, la norma contenuta nel dpcm che attribuisce proprio ai sindaci la possibilità, e la responsabilità, di chiudere dalle ore 21 quelle vie e quelle piazze dove si ritiene che possano crearsi assembramenti, imponendo quindi di fatto un "coprifuoco" a determinate zone cittadine.

 

Sindaco Firenze: "Governo non lasci a noi la scelta sul coprifuoco" Sulla stessa linea anche il sindaco di Firenza, Dario Nardella. "So che la situazione è difficile ma lasciare sulle spalle di noi sindaci la scelta delle zone dove imporre e controllare il coprifuoco è impossibile. Il governo corra ai ripari subito e cambi questa regola", scrive infatti su Twitter il primo cittadino del capoluogo toscano.

 

Gori: "Stralciare norma su chiusura zone" La norma che prevede che siano i sindaci a chiudere le zone dove potrebbero crearsi assembramenti è giudicata "non realizzabile con le sole forze di polizia locale" a disposizione delle amministrazioni locali. Lo scrive su Facebook il sindaco di Bergamo, Gorgio Gori. "Condivido dunque - prosegue - la posizione del presidente dell'Anci, il sindaco di Bari Antonio Decaro, rilanciata in queste ore da moltissimi altri sindaci". E "condivido pertanto, insieme agli altri sindaci, la richiesta al governo che la disposizione sia stralciata dal dpcm. Nell'attuale formulazione è infatti inapplicabile", conclude Gori.

 

Orlando: "Non scaricare le responsabilità sui sindaci" "Il governo nazionale non può minimamente pensare di scaricare sui sindaci le sue responsabilità, dopo mesi durante i quali il ruolo delle amministrazioni locali è stato a dir poco sottovalutato. Se il governo valuta che la situazione in Italia sia grave e stia ulteriormente peggiorando come in altri Paesi d'Europa, si assuma le sue responsabilità come hanno fatto altri governi europei. Se si valuta la necessità di una sorta di "lockdown notturno" che somiglia molto al coprifuoco, il governo lo decreti e disponga chi, come e con quali forze deve effettuare i controlli. Basta con il gioco al massacro contro le amministrazioni locali". Lo ha dichiarato Leoluca Orlando, presidente di Anci Sicilia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali