FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, alla Lombardia 10 mln di euro dal Viminale Milano il Comune più virtuoso, a Roma un mln di euro

In totale sono 167mila i profughi che hanno trovato rifugio e assistenza nel nostro Paese, 20mila i minori senza genitori

Finirà a Milano e in Lombardia la fetta più grande dei fondi che il Viminale destina ai Comuni virtuosi, quelli che accolgono sul proprio territorio un rifugiato: per ogni migrante ospitato al 15 ottobre 2016, lo Stato gira all'ente 500 euro. In Lombardia i 503 Comuni virtuosi riceveranno complessivamente 10,5 milioni di euro. Quindi la Sicilia (7,1 milioni) e il Lazio (6,5 milioni). Milano è la città che riceve in assoluto più sostegno: 1 milione e mezzo di euro, seguita da Roma con un milione netto.

In totale sono 167mila i profughi che hanno trovato rifugio e assistenza nel nostro Paese. A parte, invece, vengono conteggiati i minori non accompagnati, stimati in 20mila.

Ma quanti sono i Comuni che si fanno carico di queste presenze? In Lombardia sono 503 le amministrazioni che hanno dato l'ok all'ingresso degli stranieri sul proprio territorio, 122 in Sicilia, 108 in Lazio, 286 in Piemonte, 231 in veneto, 223 in Toscana, 201 in Emilia Romagna, 158 in Campania, 122 in Calabria, solo per citare le regioni più accoglienti.

A queste cifre vanno quindi associati i contributi erogati dal Governo a copertura delle spese di gestione dei profughi: 10,6 milioni alla Lombardia, 7,2 alla Sicilia, 6,6 al Lazio, 6,3 al Piemonte, 6,2 al Veneto, 6,1 alla Campania, 5,9 alla Toscana, 5,3 all'Emilia, 3,6 alla Calabria.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali