FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Mara Carfagna: “Il governo chieda scusa e istituisca i fondi per le famiglie delle vittime di femminicidio”

A "W lʼItalia", programma di approfondimento di Rete Quattro, la parlamentare di Forza Italia si scaglia contro l’esecutivo che non ha trovato i soldi per aiutare i figli e i genitori delle donne abusate.

“Il governo ha trovato fondi per tutto e ormai più studio la Manovra più mi indigno”. Mara Carfagna non ha mezzi termini per giudicare il rifiuto dell’esecutivo di trovare i fondi per un suo emendamento pensato per aiutare le famiglie delle vittime di femminicidio. “Sono stati stanziati decine di milioni di euro per ridurre la tassazione sulle sigarette elettroniche e non è stata approvata la mia proposta, e forse proprio perché è mia e questo è ancora più grave, che prevedeva 10 milioni di euro”.

La parlamentare di Forza Italia spiega come questo emendamento sia diverso da quelli che già aiutano le donne in difficoltà: “Il governo dice che il fondo esiste già ma quello a cui loro fanno riferimento prevedeva fondi per percorsi di studio per le vittime di violenza. Questo invece è per aiutare le famiglie delle donne uccise, cioè sono zie, nonni che non hanno disponibilità economiche per crescere bambini che hanno bisogno di percorsi anche dispendiosi, come aiuti psicologici”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali