FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Manovra, il governo lima l'aumento sulle auto aziendali: escluse elettriche e ibride

Lʼaumento della tassa sale dal 30 al 60% del valore del "fringe benefit" e al 100% solo per le superinquinanti. Italia Viva e M5s mettono le mani avanti, promettendo che i balzelli verranno rivisti in Parlamento

ansa

La Manovra è stata chiusa dal governo, con Conte che la difende respingendo la narrazione delle microtasse. Ma Italia Viva e M5s già mettono le mani avanti, promettendo che i balzelli verranno rivisti in Parlamento. A far discutere è il nuovo regime che colpirebbe dipendenti con auto aziendale per uso promiscuo. L'aumento della tassa su tali vetture sale dal 30 al 60% del valore del "fringe benefit" e al 100% solo per le auto superinquinanti.

Il ministero dell'Economia chiarisce che la norma sulle auto aziendali esclude del tutto i veicoli utilizzati a fini commerciali. Per le auto ibride ed elettriche la quota imponibile resterà, come adesso, al 30% del valore convenzionale, mentre per tutte le altre la quota sarà al 60% (come la media Ocse).

 

Il viceministro allo Sviluppo economico, Stefano Buffagni (M5s), invita a migliorare la norma e punta anche il dito contro "100 milioni di euro aggiuntivi per le indennità accessorie dei dirigenti dei ministeri", dicendosi "certo che sia uno scherzetto di Halloween". Il Pd, tramite il vicesegretario Andrea Orlando, fa sapere che in Parlamento la norma verrà rimodulata in base al grado di inquinamento del veicolo e per fare in modo che non gravi in maniera eccessiva sulle tasche dei lavoratori.

 

Il capo politico del M5s Luigi Di Maio rivendica l'abolizione del superticket, il mantenimento del regime forfettario per le partite Iva, la cedolare secca per gli affitti a canone concordato al 10%. Su Quota 100, rivolgendosi a Italia Viva di Renzi che ne chiede l'abolizione, ribadisce che fin quando il Movimento 5 Stelle sarà al governo, la norma resterà intatta. Il leader di Iv, Matteo Renzi sostiene invece che "passi avanti per evitare l'aumento dell'Iva e tasse su cellulari, gasolio, case" sono dovuti alla sua formazione. Ma non finisce qui: nella discussione parlamentare Italia Viva si impegnerà contro Sugar e Plastic Tax e, ovviamente, sulle auto aziendali.


Il Pd risponde con una nota che non cita esplicitamente Renzi, ma se la prende con chi, "non solo a destra", agita "uno spauracchio del tutto infondato" sui piccoli balzelli. Il premier Giuseppe Conte si dice peraltro aperto a modifiche, a patto però di trovare coperture alternative. Quindi sottolinea che sulla manovra "circolano molte inesattezze", e "le bugie hanno le gambe corte", attacca l'inquilino di Palazzo Chigi, sostenendo che i cittadini si renderanno conto della realtà guardando le buste paga l'anno prossimo.


Di questo, e di molto altro, si parlerà nel vertice coi sindacati convocato a Palazzo Chigi per lunedì. I rappresentanti dei lavoratori, però, fanno già capire di non apprezzare la mini-rivalutazione delle pensioni, che viene definita "un'elemosina".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali