FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

L'Italia verso il no al Mes, Conte lascia una porta aperta solo se lo chiederà anche la Francia

M5s sempre contrario, Crimi: "Decide il Parlamento e non può esserci un vincolo di maggioranza"

giuseppe conte, milano, coronavirus

Giuseppe Conte non ha cambiato idea: l'Italia deve dire no al Mes. "Non ci serve" ha più volte dichiarato il premier. Poco cambia, secondo Conte, se adesso sul tavolo c'è il "nuovo Meccanismo europeo di stabilità". In ballo, per l'Italia, potrebbero esserci 37 miliardi che ci verrebbero prestati a tasso zero. Le famose "condizionalità", però, potrebbero far diventare amarissimo lo "zuccherino" europeo. Ecco, quindi, che Conte - secondo quanto riportato da Repubblica -avrebbe ribadito anche nelle ultime ore il suo pensiero: "No al Mes, a meno che non se ne avvalga anche la Francia". Al momento nessun Paese ha chiesto di potersi avvalere del nuovo Mes

M5s, Crimi: "Sul Mes decide il Parlamento senza un vincolo di maggioranza" - "Su un tema che può impegnare il Paese per i prossimi dieci anni devono decidere i parlamenti. Sul Mes non può esserci un vincolo di maggioranza". Lo ha detto, intervistato dal Fatto Quotidiano, il capo politico del Movimento 5 Stelle, Vito Crimi. Il nuovo testo sul fondo parla di un sistema di allerta che scatterebbe per i Paesi che non dovessero restituire il prestito. E se c`e' un sistema di allarme ci sono anche delle conseguenze, quindi condizionalità. Ci dovranno spiegare quali, ma noi restiamo sul no al Mes".

 

L'obiettivo Recovery Fund - Il bersaglio a cui punta da tempo Giuseppe Conte - constatata l'impossibilità di arrivare ai Coronabond dopo l'ostracismo di alcune forze europeee, Germania e Olanda in primis - resta il Recovery Fund. A giudizio del premier, insieme agli acquisti dei titoli di Stato da parte della Bce, è in grado di mettere al riparo il nostro Paese e di creare le condizioni per la ripresa. L'approvazione da parte del Parlamento Ue della risoluzione sul Recovery Fund per la ripartenza post-coronavirus è certamente un obiettivo (molto importante) centrato.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali