FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La Fase 2 sarà senza centri estivi e oratori: un'altra porta in faccia ai bambini

Sui più piccoli a casa fino a settembre con i genitori pronti a tornare a lavoro, è braccio di ferro tra il  presidente del Consiglio superiore di Sanità Locatelli e ministra per le Pari opportunità e la Famiglia Elena Bonetti nel dopo emergenza coronavirus

coronavirus wuhan vita quotidiana bambini

Se da un lato per la Fase 2 governo e tecnici lavorano per far ripartire il mondo dell'occupazione e dell'imprenditoria - una ripresa da cui dipende la tenuta dell'economia - dall'altro si pensa a misure a sostegno delle famiglie che avranno ancora, almeno fino a settembre, i figli a casa. E anche su questo la scienza non usa mezze misure. L'apertura di centro estivi e oratori? "Scordiamoceli, come si fa a garantire il distanziamento dei bambini?", si chiede il  presidente del Consiglio superiore di Sanità Locatelli. Stop che non viene digerito dalla ministra per le Pari opportunità e la Famiglia Elena Bonetti. "Li organizziamo in modo sicuro", promette.

"I genitori devono tornare a lavorare. Oratori e campi estivi non ce li scordiamo. Li organizziamo in modo sicuro per la salute di tutti. Del resto questa è la responsabilità della politica". Questa la promessa via Facebook della ministra Bonetti, dopo il no secco degli esperti. 

 

"Come si fa a garantire il distanziamento dei bambini nel campo estivo? - si chiede, infatti, Locatelli, presidente del Consiglio superiore di Sanità e membro del Comitato tecnico scientifico chiamato dal governo a gestire l'emergenza coronavirus. - L'accesso ai parchi è una cosa più che considerabile beninteso che deve essere un accesso contingentato per evitare che si creino le aggregazioni".

 

Coronavirus, come andremo in bar e negozi: le nuove regole

 "C'è attenzione e ci sarà una parte del prossimo decreto espressamente dedicata ai bambini: l'orientamento, posso anticiparlo, è di un ritorno a una forma di normalita'", aveva detto in un'intervista ad Avvenire Locatelli. "La scelta di non riaprire le scuole per esempio, di cui io sono stato primo e convinto assertore, - ha ricordato - è stata molto meditata e infine presa sulla base di modelli statistici precisi, che ci indicavano come ciò potesse incrementare l'indice di contagiosità.

 

"E' chiaro - continuava ad anticipare - che un conto sarà consentire loro di uscire, un conto è progettare centri estivi o un ritorno negli oratori nei mesi caldi. Non bisogna fare confusione: assembramento e aggregazione non potranno essere in nessun caso consentiti".

 

E a settembre? "Abbiamo tempo. Da qui a settembre contiamo che quell'indice di contagiosità scenda ulteriormente fino a toccare lo zero: se pensiamo che siamo partiti a fine febbraio dal 3,8 (una persona ne contagiava 3,8, ndr) e ora siamo sullo 0,8 ci sono buone speranze di arrivare a quel traguardo. Nel frattempo bisogna ripensare gli spazi e i modi della scuola".

 

Coronavirus, come viaggeremo sui mezzi pubblici: le nuove regole

 

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali