FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Governo, è ancora stallo: mandato Casellati, fumata grigia al primo giro

Di Maio non cede e vuole governo solo con la Lega, ma Salvini ribadisce che non lascia allenza con Forza Italia. Berlusconi: "Da noi mai nessun veto"

Dopo il primo giorno di consultazioni sembra lontano il successo per il mandato esplorativo del presidente del Senato Elisabetta Alberti Casellati, "mirato" a riferire "entro venerdì" se ci sia una maggioranza per costituire un governo di M5s e centrodestra. Per ora non si registrano passi avanti nel dialogo tra le parti: Luigi Di Maio tiene fermo il no a Silvio Berlusconi e dà a Salvini un ultimatum. Ultimatum che il centrodestra respinge al mittente.

Nessuna apertura dunque da parte del MoVimento 5 stelle. Anzi, uscito dall'incontro con la Casellati Di Maio è categorico: "Salvini decida entro questa settimana se è pronto a siglare un contratto di governo alla tedesca M5s-Lega, l'unico possibile". Il messaggio implicito è che lunedì potrebbe aprirsi il secondo "forno" con un Pd che attende che salti il tavolo tra M5s e Lega per "scongelarsi" e dialogare. Ma Salvini a Di Maio replica a muso duro: "Non mollo FI, rispetto il voto: il secondo arrivato alle elezioni non può imporre le regole. Perché Di Maio non fa un passo a lato sulla premiership come me?". Due condizioni che il leader M5s mette ai voti in un'assemblea dei gruppi pentastellati: "Vi prendete Berlusconi, vi prendete Meloni e Di Maio fa un passo indietro?", domanda. In platea si ascoltano risate e nessuno alza la mano per dire di sì. Ma in serata il leghista Giancarlo Giorgetti precisa che a cadere deve essere "almeno uno dei due veti di Di Maio". Uno spiraglio?

Mandato alla Casellati: lʼincarico limitato

Restano intanto ventiquattro ore al tentativo di Casellati. Dopo aver ricevuto e accettato "con spirito di servizio" il mandato esplorativo, il presidente del Senato incontra il presidente della Camera Roberto Fico e il premier Paolo Gentiloni e nel pomeriggio a Palazzo Giustiniani riceve le delegazioni di M5s, Lega, Fdi e Fi in lunghi colloqui di un'ora ciascuno. Giovedì farà un secondo "round". E venerdì riferirà al capo dello Stato. Se sarà fumata bianca, potrebbe esserci a breve un premier incaricato. Ma in caso di una, più probabile, fumata nera Mattarella valuterà se assegnare, magari dopo un paio di giorni di riflessione, un secondo mandato esplorativo. Anche in questo caso sarebbe un mandato breve e "mirato", ma in uno schema diverso dal M5s-centrodestra: al presidente della Camera Roberto Fico potrebbe spettare di sondare i margini per una maggioranza diversa. Se fallisse anche questo tentativo, il presidente potrebbe optare per un incarico più politico, magari a una personalità "terza".

Ma il centrodestra vuol tentare fino in fondo con il M5s. Salvini si irrita per l'accelerazione del Colle, perché avrebbe voluto attendere il voto delle regionali per un tentativo serio. Ma in serata fa sapere che andrà al secondo giro di colloqui di Casellati con la delegazione del centrodestra unito. "Da parte nostra non sono mai stati messi dei veti verso il M5s", dice Silvio Berlusconi abbandonando i toni bellicosi degli ultimi giorni. L'unica alternativa al governo centrodestra-M5s "e' il voto", avverte Salvini. Ma Di Maio parla solo alla Lega: "Non capisco perché io non possa porre veti su Berlusconi e Salvini li ponga sul Pd", dice alludendo al "forno" con il Pd. I Dem per ora stanno a guardare: solo se salterà del tutto il dialogo tra M5s e Lega, il Pd entrerà in partita. E a quel punto anche Matteo Renzi potrebbe dare il via libera a un dialogo cui finora si è detto contrario. Se Fico ricevesse un mandato esplorativo, spiegano i renziani, il Pd potrebbe porre le sue condizioni: no a Di Maio premier e un cambio di linea su temi cari al Pd come il Jobs act e il reddito di inclusione. A complicare l'ipotesi M5s-Pd ci sono i numeri assai risicati in Parlamento. Ma i "governisti" Dem sottolineano la novità: prima c'era una parte del Pd più sulle barricate, ora stiamo tutti a guardare se ci può essere un dialogo con l'incaricato di Mattarella. Più facile se fosse un nome "terzo", in chiave di esecutivo del presidente. Ma neanche parlare con M5s è più un tabù per nessuno dei Dem

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali