FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Emendamento al "decretone", raddoppia il tempo per la pace contributiva

Le rate per saldare il proprio debito con il fisco potranno essere versate in 10 anni invece che in 5. Un altro emendamento prevede che chi ottiene il reddito di cittadinanza possa rifiutare un lavoro se il compenso è inferiore a 858 euro

Emendamento al "decretone", raddoppia il tempo per la pace contributiva

Aderire alla "pace contributiva" potrebbe essere meno pesante grazie a un emendamento del governo al "decretone", il cui testo sarà discusso in Aula lunedì 25 febbraio. La proposta prevede infatti la possibilità di saldare in 10 anni, con 120 rate mensili, il debito con lo Stato, mentre ora il testo prevedeva la possibilità di rimborsare il debito al massimo in 5 anni.

Le previsioni - Nella relazione che accompagna l'emendamento si stimano 2.900 domande di "pace contributiva" da lavoratori dipendenti e circa 600 da lavoratori autonomi, con stipendio medio di 31.500 e 20.000 euro.

Per chi riceverà il reddito di cittadinanza -Tra gli emendamenti al "decretone", anche uno presentato M5s che, relativo al reddito di cittadinanza, prevede l'obbligo di accettare un'offerta di lavoro solo se il salario sarà di almeno 858 euro al mese, cioè "superiore di almeno il 10 per cento del beneficio massimo fruibile da un solo individuo", comprensivo di integrazione del reddito e di affitto.

Non solo. Lo Stato potrà monitorare "i soli importi complessivamente spesi e prelevati" dal conto sul quale verrà accreditato il reddito di cittadinanza. Lo prevede uno dei nove emendamenti che il governo ha preparato in vista dell'esame del "decretone" al Senato. La norma recepisce le obiezioni del Garante della privacy, che dovrà essere ascoltato dal ministero. La versione attuale del testo prevede invece che lo Stato possa verificare le singole spese, per controllare che il sussidio non venga impiegato in spese ludiche o futili, ma soltanto per beni alimentari o di prima necessità.

Per gli statali - Approvato in commissione Lavoro al Senato anche un altro emendamento, proposto dalla Lega, che innalza da 30mila a 45mila euro la soglia di anticipo del Tfs agli statali, per i trattamenti che non siano di importo inferiore. La quota superiore ai 30mila euro potrà essere chiesta anche dai soggetti che abbiano già presentato la domanda di finanziamento.

Presto assunzioni nella PA - Il governo inoltre ha preparato una proposta di modifica che prevede altre assunzioni in deroga nella pubblica amministrazione poiché la pensione anticipata con quota 100 rischia di svuotare gli uffici giudiziari. L'emendamento prevede assunzioni, oltre a quelle già previste con la manovra, almeno per 1.300 amministrativi, già a partire da metà luglio, nonostante il blocco delle assunzioni nella P.a. fino a novembre previsto sempre con la legge di Bilancio. Il buco di organico in tre anni, si legge nella relazione della maggioranza, è di circa 20mila posti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali