FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Elezioni, cʼè lʼaccordo tra Colle e partiti: andremo al voto il 4 marzo

Eʼ stata "consegnata" a Sergio Mattarella una data che anticipa la scadenza naturale della legislatura. In cambio il Capo dello Stato avrebbe chiesto al premier Gentiloni di non rassegnare le dimissioni

Elezioni, c'è l'accordo tra Colle e partiti: andremo al voto il 4 marzo

Manca solo l'ufficialità, ma di fatto ci siamo: salvo imprevisti dell'ultima ora i partiti hanno trovato un accordo sul giorno delle prossime elezioni politiche, il 4 marzo. La data, che anticipa la scadenza naturale della legislatura, è stata consegnata a Sergio Mattarella: spetterà a al nostro capo dello Stato, dunque, sciogliere le Camere per il passaggio alle urne, ma ad una condizione: il premier Gentiloni non deve dimettersi prima.

L'ultima tappa “fondamentale” è rappresentata dalla legge di Bilancio che, nel virtuale calendario istituzionale, dovrebbe essere approvata alla Camera il prossimo 20 dicembre mentre il varo definitivo spetterà al Senato e dovrebbe arrivare venerdì 22 dicembre. A quel punto tutti i passaggi obbligatori saranno terminati. Mattarella avrebbe dovuto aspettare il 15 marzo per chiudere la legislatura a scadenza naturale ma al Quirinale sono ormai convinti che questo Parlamento, una volta licenziata la manovra economica, non sarà in grado di fare niente di più. E del resto si tratterebbe di uno scioglimento anticipato delle Camere solo dal punto di vista tecnico.

Però su un punto il Capo dello Stato è irremovibile: il premier Gentiloni non dovrà dimettersi per autorizzare lo scioglimento del Parlamento, come cerimoniale vorrebbe. E' una misura cautelativa nel caso in cui, previsione tra l'altro molto probabile vista la legge elettorale, dopo le elezioni non si determini una maggioranza chiara per poter governare. Tra l'altro, l'esempio spagnolo o tedesco sono diventati una lezione anche per l'Italia sul post voto. E Gentiloni potrebbe essere chiamato a gestire una lunga transizione, quindi meglio evitare il rischio di un "vuoto" e di una nuova impasse.

Salvini: bene 4 marzo, ma anche election day. "Votare il 4 marzo ci va benissimo: prima si vota, meglio è". Così il segretario della Lega, Matteo Salvini, commenta l'ipotesi delle delle elezioni politiche pubblicata su alcuni quotidiani nazionali. Ma rilancia: "Sono favorevole all'election day: bisogna votare lo stesso giorno anche per le Regionali, non farlo sarebbe uno spreco di denaro, una follia".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali