FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Editoria, Alessandro Sallusti lascia la direzione de Il Giornale e passa a Libero

L'editore Paolo Berlusconi e il presidente Alessia Berlusconi ringraziano il direttore "per l'impegno profuso in tutti questi anni"

Alessandro Sallusti lascia la direzione de Il Giornale. Lo ha annunciato la Società Europea di Edizioni, editrice del quotidiano, in una nota. "L'editore Paolo Berlusconi e il presidente Alessia Berlusconi ringraziano il direttore Sallusti per l'impegno profuso in tutti questi anni", si legge in una nota. Sallusti sarà il nuovo direttore del quotidiano Libero, del gruppo Angelucci, che al suo interno ha anche il giornale romano Il Tempo.

Prima della notizia ufficiale sono state diverse le voci circolate sul futuro di Sallusti. Tra queste la sua candidatura a sindaco di Milano e ancora la direzione di tutte le testate del Gruppo Angelucci. Il giornalista ha, invece, firmato solo per la direzione di Libero.

 

La conferma del passaggio del giornalista da Il Giornale a Libero è arrivata anche dall'attuale direttore responsabile del quotidiano, Pietro Senaldi, che diventerà condirettore.

 

"Si tratta di un’operazione concordata da tempo - ha spiegato Senaldi all'AdnKronos - che dimostra la volontà di investire sulla testata, che si sta allargando su più fronti multimediali".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali