FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dl Genova, il Senato boccia lʼemendamento contro il "condono Ischia"

La proposta di modifica presentata da Forza Italia era passata martedì nelle commissioni riunite Ambiente e Lavori pubblici. M5s: "Non è vero che si è allargato il numero degli ʼortodossiʼ"

Dl Genova, il Senato boccia l'emendamento contro il "condono Ischia"

Il Senato reintroduce il condono edilizio a Ischia, respingendo l'emendamento presentato da Forza Italia e approvato in commissione, con la maggioranza che era andata sotto. Con la bocciatura, votata durante l'esame del decreto Genova e altre emergenze a Palazzo Madama, si torna al testo iniziale dell'articolo: restano quindi il riferimento e l'applicazione della legge sul condono del 1985 per le istanze pendenti su case danneggiate dal sisma del 2017.

L'emendamento è stato respinto da 200 no, 75 voti favorevoli e un astenuto. La proposta di modifica presentata da Forza Italia, a firma di Urania Papatheu, era passato martedì nelle commissioni riunite Ambiente e Lavori pubblici, grazie al sì del senatore M5S, Gregorio De Falco, e l'astensione della collega Paola Nugnes. L'effetto sarebbe stato quello di smontare il riferimento normativo del provvedimento al condono del 1985, approvato dal governo Craxi, per gli immobili in attesa di regolarizzazione e che sono crollate durante il terremoto dell'agosto 2017.

M5s: non è vero che si è allargato il numero degli 'ortodossi' - "Non è vero che si è allargato il nucleo degli 'ortodossi' al Senato sul decreto Genova visto che i senatori Bogo Deledda, Giarrusso e Turco ci risultano in malattia, mentre Vaccaro è in congedo". A precisarlo è una nota dell'ufficio stampa dell'Movimento Cinque Stelle di Palazzo Madama, commentando la notizia secondo cui almeno sette senatori pentastellati non hanno partecipato al voto.

Laforgia (Leu): condono schiaffo in faccia a italiani - "La maggioranza che doveva promuovere legalità e rispetto delle regole, vota un condono inaccettabile e lo inserisce nel pacchetto di misure pensate per la tragedia che ha colpito Genova. Una brutta pagina per il Paese e uno schiaffo in faccia agli italiani perbene". Così il senatore di Leu Francesco Laforgia.

Toninelli: tutto bene - "Mi pare stia andando molto bene". E' il commento del ministro delle Infrastrutture e trasporti Danilo Toninelli, uscendo dall'Aula del Senato subito dopo il voto dell'emendamento sul condono a Ischia. Il ministro ha così risposto ai cronisti che a Palazzo Madama gli chiedevano se era soddisfatto del voto.

Mirabelli (Pd): Forza Italia per il condono con maggioranza - "Forza Italia, sotto la bandiera del condono di Di Maio, si riallinea con la maggioranza, votando no al proprio emendamento passato ieri in Commissione. Ormai è uno scambio continuo di favori. Oggi M5S e Lega hanno anche regalato la vicepresidenza dell'antimafia ad una senatrice di Forza Italia. Se sono rose, fioriranno", afferma il senatore Pd Franco Mirabelli, vicepresidente del gruppo dem a Palazzo Madama.

Dl Genova: senatori Fi campani ritirano autosospensione - "Visto che il nostro partito non è una caserma, non è militarizzato e che il presidente Bernini ha lasciato libertà di voto sugli emendamenti relativi a Ischia, ritiriamo l'autosospensione dai gruppi e riprendiamo appieno la nostra attivita' politica, ringraziando il capogruppo Bernini per aver saputo cogliere con grande attenzione e sensibilità le nostre aspettative".Lo dichiarano i parlamentari di Forza Italia Domenico De Siano, Vincenzo Carbone, Luigi Cesaro, Antonio Pentangelo, Paolo Russo e Carlo Sarro.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali