FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Di Maio: "Si intervenga sugli orari dei negozi, no giungla liberalizzazioni"

Il ministro degli Esteri rilancia il dibattito su chiusure festive e orari scatenando la reazione degli organismi di categoria. Confesercenti: bene il confronto. Confcommercio: il problema non sono gli orari

"Dopo il decreto Dignità e il decreto Riders, il governo deve tutelare le persone che lavorano, come le partite Iva e i lavoratori dipendenti degli esercizi commerciali". Lo ha scritto Luigi Di Maio su Facebook, sottolineando che, "a causa delle liberalizzazioni, sono sprofondati nella giungla degli orari di apertura e chiusura, cercando invano di battere i centri commerciali, rimanendo aperti 12 ore al giorno e 7 giorni su 7". 

Il leader M5s riaccende quindi il dibattito sulle chiusure domenicali e festive dei negozi dopo che, a febbraio, la maggioranza aveva presentato il testo che prevedeva la serrata per gli esercizi commerciali in 26 domeniche su 52 e in 8 festività su 12. Poi però, con la crisi di Ferragosto e la caduta del governo gialloverde, sembrava che il provvedimento fosse stato accantonato.

 

Confesercenti: bene il confronto sulle liberalizzazioni - Immediata la reazione delle organizzazioni di categoria: per Confesercenti ben venga il confronto sulle liberalizzazioni mentre per Confcommercio il problema non sono gli orari. "Riaprire il confronto sulle liberalizzazioni del commercio è positivo. In questi anni il sempre aperto ha contribuito a spostare quote di mercato dai piccoli esercizi alla grande distribuzione, portando alla chiusura decine di migliaia di negozi. Un riequilibrio della concorrenza nel settore è necessario, ma la regolamentazione delle aperture è solo uno degli strumenti", spiega il segretario generale di Confesercenti Mauro Bussoni, sottolineando che "la crisi del commercio colpisce soprattutto le piccole attività, ma non riguarda solo quest'ultime" e per questo "abbiamo chiesto al governo di aprire un tavolo di rilancio" per il commercio.

 

Confcommercio: "Il problema non sono gli orari" - "Gli orari sono un falso problema. Non è il tema per risolvere il problema del commercio", afferma Enrico Postacchini, membro di giunta Confcommercio con delega alle politiche commerciali. "Se il problema è la qualità di vita dei lavoratori dipendenti, questi sono tutelati dal contratto perché hanno maggiorazione festiva e hanno il recupero", sottolinea Postacchini, chiarendo che "il problema può riguardare i piccoli titolari che non hanno dipendenti e che si sentono obbligati a stare aperti per rimanere sul mercato. Però non può valere la regola che siccome io non riesco a stare aperto, siamo tutti chiusi. Questo è inaccettabile".

 

"Sì a una vera web tax" - Per Confcommercio le priorità sono altre, come "una vera web tax, poi rimettere al centro delle riqualificazioni commerciali-urbanistiche le attività del retail già oggi presenti, quindi un intervento sugli affitti commerciali e sulla fiscalita' che mette in ginocchio l'attivita' commerciale". Critiche arrivano dai consumatori, con l'Unc che invita il governo a mantenere l'apertura libera dei negozi. "E' incredibile che con tutti i problemi dell'Italia, ci sia ancora qualcuno che vuole modificare una norma che sancisce una sacrosanta liberta' di impresa, quella di poter aprire quando si vuole il proprio negozio", tuona il presidente Massimiliano Dona.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali