FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Dl Rilancio, smart working per il 50% dei dipendenti pubblici fino a fine anno

Lo prevede un emendamento del Movimento 5 Stelle secondo cui dal 2021 la percentuale del lavoro agile salirà almeno al 60%

fabiana dadone

Proroga fino al 31 dicembre 2020 dello smart working per il 50% dei dipendenti che svolgono attività eseguibili da remoto. Lo prevede un emendamento M5s al decreto Rilancio, riformulato e approvato dalla commissione Bilancio della Camera, che introduce il "Piano organizzativo del lavoro agile", con il quale dal 1° gennaio 2021 la percentuale salirà ad almeno il 60%.

Ministro Dadone: "Una rivoluzione in atto" Si tratta, commenta il ministro Fabiana Dadone, di una "rivoluzione in atto". Con l'emendamento si introduce anche l'Osservatorio del lavoro agile "per raccogliere dati e informazioni fondamentali e permettere di programmare al meglio le future politiche organizzative delle P.a. e lo sviluppo delle performance di dirigenti e personale".

 

Stop dell'Agcom ai servizi di telefonia senza consenso Tra le novità c'è anche quella che dà nuovi poteri all'Agcom per bloccare i servizi di telefonia attivati senza il consenso degli utenti. Lo prevede un emendamento a firma Brunetta, riformulato e approvato dalla commissione Bilancio della Camera che prevede che l'Authority possa "ordinare, anche in via cautelare" la "rimozione di iniziative o attività destinate ai consumatori italiani e diffuse attraverso le reti telematiche o di telecomunicazione che integrano gli estremi di una pratica commerciale scorretta". I destinatari di questi ordini hanno l'obbligo di inibire" l'uso delle reti che gestiscono "o in relazione alle quali forniscono servizi, al fine di evitare la protrazione di attività pregiudizievole per i consumatori e poste in violazione del Codice del Consumo". Previste multe fino a 5 milioni "in caso di inottemperanza" degli operatori.

 

Un milione in più al servizio civile C'è anche quella dell'aumento dei fondi al servizio civile tra i nuovi punti del decreto. Si tratta di un milione in più per il servizio civile nel 2020. Lo prevede un emendamento di Forza Italia al dl Rilancio approvato dalla commissione Bilancio della Camera. In totale quindi i fondi aggiuntivi per quest'anno diventano 21 milioni.

 

Castelli: "La Lega non firma l'emendamento per aumentare lo stipendio ai pompieri" Intanto il viceministro all'Economia Laura Castelli denuncia la mancata firma della Lega sull'emendamento che garantisce un aumento dello stipendio ai vigili del fuoco. "Sono davvero sconcertata da ciòche è successo venerdì sera in chiusura dei lavori - scrive su Facebook -! Dopo aver lottato nella scorsa legge di bilancio per stanziare le risorse necessarie per equiparare gli stipendi dei Vigili del Fuoco alle altre forze dell'Ordine, serviva un ultimo passo: l'approvazione di un emendamento che, per essere ammesso, necessitava della firma di tutti i gruppi politici. Invece sapete cosa è successo? La Lega si è tirata indietro, ritirando la propria firma. Una vergogna! Noi non molleremo, inseriremo questa norma nel prossimo provvedimento, forti della volontà del governo e dell'intesa tra tutte le forze di maggioranza". 

 

Lega: "Governo indecente sulla pelle dei vigili del fuoco" Immediata è arrivata la replica della Lega al viceministro Castelli: "E' indecente giocare sulla pelle dei Vigili del fuoco - affermano i capigruppo del Carroccio in Senato e Camera, Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari -. Il governo non ha destinato un solo centesimo per loro nel decreto Rilancio e da' la colpa alla Lega, che sta all'opposizione. Basta con queste cialtronate. I vigili del fuoco non meritano di essere presi in giro". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali