FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Covid, Sileri a Tgcom24: "Ospedali sovraccarichi? Da 15 anni già nei picchi influenzali"

Su Natale, colori delle Regioni e vaccini lʼintervento del viceministro della Salute

"Il trend è in miglioramento e deve seguire l'alleggerimento della pressione sugli ospedali in termini di ricoveri, così che possano essere trattate anche le altre malattie che non sono di serie B rispetto al Covid". Il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri interviene in diretta a Tgcom24 per affrontare i temi del Natale, del cambio di colore a livello regionale e dei vaccini, analizzando l'attuale situazione pandemica in Italia. A partire dal fatto che "da 15 anni il personale sanitario denuncia le criticità del sistema sanitario nazionale che si presentano a cicli e in forma più leggera rispetto a oggi, ma non è stato mai ascoltato dai politici del passato".

Pensando al Natale per Sileri "sono impensabili cenoni e riunioni familiari, considerando gli attuali 700-800 morti al giorno: come se cadessero tre aerei al giorno". Anche riguardo agli spostamenti su base regionale in vista delle Feste il viceministro non si sbilancia e afferma: "Non dobbiamo correre, ma aspettare che il numero delle vittime scenda e consolidare i buoni risultati. Dobbiamo resistere ancora qualche mese".

In vista di possibili allentamenti e riaperture nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, il viceministro sottolinea che ciò, "in accordo con gli enti locali, dovrà avvenire in sicurezza". E come priorità mette la scuola. Sui ristoranti ipotizza possibili estensioni di orario; "progressivamente e con la massima precauzione sarà la volta di cinema e teatri". "Una data è prematura - ribadisce, - ma se per fine anno avremo un'Italia gialla la strada sarà in discesa, arriverà il vaccino e si dovrà considerare anche la protezione di gregge".

 

Proprio sui vaccini anti-Covid, Sileri conclude il suo intervento in diretta a Tgcom24: "I tre vaccini di cui si parla non hanno ancora l'autorizzazione dell'ente regolatorio europeo - spiega, - ma l'avranno dopo che saranno provate efficacia e sicurezza. Non arriveranno comunque a gennaio tutte le dosi per 60 milioni di italiani, ma la vaccinazione avverrà per gradi e sarà organizzata da Arcuri".

 

Con la promessa finale: "Andrà molto meglio di quanto non è avvenuto per la campagna antinfluenzale: non possiamo permetterci ritardi o errori".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali