FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, il sottosegretario Zampa: "La Serie A va sospesa" | Poi chiarisce: "Decidano Figc e squadre" | Spadafora la riprende: "Parole avventate"

Il dietrofront arriva a poche ore di distanza da unʼintervista nella quale sottolineava come "con un numero così alto di positivi", come i 14 rilevati nel Genoa, "non si può che fermare il campionato"

In Campania scattato l'obbligo di mascherine all'aperto

"I protocolli che abbiamo sottoscritto parlano chiaro, il campionato di Serie A deve essere sospeso". Lo ha detto il sottosegretario alla Salute, Sandra Zampa, parlando dei 14 positivi del Genoa. "Quando c'è un numero di positivi così alto - ha spiegato - non si può che fermare il campionato. I positivi non sono in grado di giocare, e possono contagiare altre persone". Ma poco dopo è arrivato il dietrofront: "Decidano Federazione e squadre". 

"Nessuno al momento sta facendo pressioni su di noi. Il Comitato tecnico scientifico è radicalmente contrario alla presenza dei tifosi sugli spalti. Su questo si è già espresso", ha detto alla trasmissione "The Breakfast Club" su Radio Capital.

 

La precisazione: "Decidano Figc e Lega" A poche ore di distanza è arrivata però una precisazione da parte del sosttosegretario: "Nel corso della mia intervista a Radio Capital ho detto che, in base al Protocollo sottoscritto dalla Federazione Italiana Gioco Calcio, i giocatori positivi al Covid-19 non possono giocare fino a quando non risulteranno negativi al tampone - si legge in una nota -. Questo non significa che la Serie A vada sospesa. Saranno poi la Figc e le Società calcistiche a decidere sui destini del massimo campionato: se facendo recuperare partite alle squadre che non potranno giocare o mettendo in campo eventuali riserve".

 

Spadafora: "Da Zampa parole avventate" Il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, ha definito "avventate" le prime dichiarazioni del viceministro alla Salute in merito al possibile stop della Serie A, e ha precisato che "non ci sono le condizioni per fermare il campionato". 

 

SIleri: "Passo indietro se molti giocatori positivi" Sull'argomento è intervenuto anche il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri: "In caso di più calciatori positivi va fatto un passo indietro, stabilizzare la situazione e ripartire - ha detto -. Ma la decisione di fermare un campionato di calcio non passa per il vice ministro della Salute, e quindi parlo da medico. Se hai una squadra di calcio con molti giocatori positivi quella squadra farà fatica a giocare, ma quello che mi preoccupa è l'eventuale positività di altri giocatori di altre squadre, perché sebbene dubito che il contagio possa avvenire in campo con facilità perché il contatto lo hai mentre giochi, sono più preoccupanti i contatti conviviali come nello spogliatoio, a cena. Quindi se troviamo dieci giocatori positivi da una parte, cinque dall'altra, faccio fatica a pensare ad un campionato aperto".

 

Genoa, nuovi tamponi confermano la positività di 14 Intanto i test effettuati martedì ai 14 tesserati del Genoa risultati positivi nel fine settimana hanno confermato la positività. Lo fa sapere la società rossoblù. Questa mattina gli altri componenti della squadra e dello staff sono arrivati in macchina al campo di allenamento hanno eseguito il tampone dall'auto e sono tornati a casa. Buone notizie per i dipendenti e i dirigenti che si erano sottoposti ai test ieri e che sono risultati tutti negativi. Il Genoa attende le decisioni della Lega sulla gara di sabato contro il Torino. Tutti negativi anche i tamponi effettuati al Napoli ma, giovedì 1 ottobre, la squadra allenata da Gattuso sarà sottoposta a un secondo test molecolare.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali