il governo prova a correre ai ripari

Caro carburanti, Meloni e Giorgetti incontrano i vertici della Gdf | La benzina corre verso i 2 euro

Nel 2022 sono 2.809 le violazioni contestate dalla Gdf in merito alla disciplina dei listini

10 Gen 2023 - 13:00

In seguito al caro carburante, il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, e il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti, hanno fissato per martedì un incontro con il comandante generale della guardia di finanza, Generale Giuseppe Zafarana. L'obiettivo, ha reso noto Palazzo Chigi, è fare il punto e valutare ogni possibile ulteriore azione di contrasto alle speculazioni in atto sui prezzi dei carburanti.

La benzina corre verso i 2 euro

 I prezzi dei carburanti, intanto, continuano a salire, dopo che il primo gennaio è finito il calmiere imposto dal governo Draghi. Secondo il sito Quotidiano Energia, il prezzo medio della benzina (al servito) è salito a 1,965 euro al litro, quello del diesel è arrivato a 2,023 euro.

Controlli a tappeto per evitare speculazioni

 Il ministro delle Imprese, Adolfo Urso, ha promesso controlli a tappeto incrociati di guardia di finanza e di "Mister Prezzi", il Garante per la sorveglianza dei prezzi. E il vicepremier Matteo Salvini ha annunciato che a breve il Consiglio dei ministri valuterà un possibile intervento per fare il punto e valutare ogni possibile ulteriore azione di contrasto alle speculazioni.

I prezzi medi in autostrada e non

 Per Quotidiano Energia il prezzo medio nazionale della benzina in modalità self è 1,821 euro al litro (1,814 il dato del 5 gennaio). Il prezzo medio praticato del diesel self è a 1,879 euro al litro (contro 1,875). Per quanto riguarda il rifornimento servito, la benzina è arrivata a 1,965 euro, il diesel a 2,023. In autostrada poi i prezzi salgono ancora. Secondo il sito di energia Staffetta Quotidiana, la benzina in modalità servito sale a 2,171 euro, il self costa 1,912 euro al litro. Per il gasolio in autostrada si spendono 1,963 euro al litro per il self e 2,223 per il servito.

Caro carburanti, il confronto dei prezzi

1 di 1
© Withub © Withub

© Withub

© Withub

Nove euro in più per un pieno da 50 litri

 Il Codacons ha fatto qualche conto: "Il pieno di benzina costa 8,9 euro in più rispetto a quanto costava a fine dicembre", cioè "214 euro ad automobilista" all'anno. L'Unione nazionale consumatori parla di un aumento di "9 euro e 15 centesimi per un pieno da 50 litri". A incidere sugli c'è anche la decisione del governo di eliminare lo sconto di 18,3 centesimi al litro sulle accise (le tasse sui carburanti), messo dall'esecutivo Draghi dopo lo scoppio della guerra in Ucraina. Un sconto che da marzo è costato un miliardo di euro al mese. Secondo alcuni esperti, le quotazioni sono salite anche in previsione del blocco delle importazioni di prodotti raffinati dalla Russia a partire dal 5 febbraio. All'Europa mancherà il 30% del suo gasolio.

Nel 2022 sono 2.809 le violazioni contestate dalla Gdf

 Le associazioni dei consumatori però accusano le società energetiche e i distributori di approfittare degli aumenti dovuti alla fine del calmiere, per aggiungere altri aumenti mascherati. Un sospetto condiviso dal governo Meloni, che ha deciso di aumentare i controlli. La Gdf ha reso noto che l'anno scorso, da marzo a dicembre, ha accertato nei distributori di carburante 2.809 violazioni alla disciplina dei prezzi, su 5.187 verifiche fatte.

Urso: "Aumenti eclatanti e non giustificabili"

 Il ministro delle Imprese Adolfo Urso, in un'intervista a Il Corriere della Sera, ha parlato di "casi eclatanti e non giustificabili". Urso ha spiegato che sul caro carburante "abbiamo coordinato una duplice azione per stroncare la speculazione". Da un lato, il ministro dell'Economia, Giancarlo Giorgetti, "con la Guardia di Finanza". Dall'altro lato, il suo ministero, col monitoraggio di Mr Prezzi, per "evidenziare subito ogni anomalia e ogni tentativo di speculazione". "La prossima settimana - ha concluso Urso - riunirò le associazioni dei consumatori per confrontarci sugli strumenti più' idonei". Codacons e Unc plaudono alla convocazione, ma accusano il governo di non aver fatto abbastanza controlli.

Salvini: "Qualcuno ne sta approfittando"

 Il vicepremier Matteo Salvini da Brescia ha annunciato che in Consiglio dei ministri "ragioneremo se, fra guerra, caro materiali e caro materie prime, sia il caso di intervenire e ci siano denari per farlo". Poi ha aggiunto: "Sono contento che ci siano dei controlli a tappeto, perché anche in questo caso, come nel caso del gas e della luce, qualcuno ne sta approfittando".

Riaperte le domande per l'ecobonus

 Intanto, si sono riaperte le domande per l'ecobonus per auto e moto a basse o zero emissioni. In ballo 630 milioni, per sconti dai 2.000 ai 5.000 euro a veicolo.

Ti potrebbe interessare

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri