FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Calabria, Guido Longo nuovo commissario alla Sanità: ok del Consiglio dei ministri

Lʼex prefetto di Vibo Valentia accetta lʼincarico: "Eʼ un atto dʼamore verso la Regione in cui mi sono formato professionalmente"

A venti giorni dalle dimissioni di Giuseppe Zuccatelli, è stato nominato il nuovo commissario alla Sanità in Calabria. Il Consiglio dei ministri ha infatti dato il via libera alla nomina del prefetto Guido Longo. La riunione è stata lampo, durata solo il tempo della nomina. "Longo è un uomo delle istituzioni, che ha già operato in Calabria, sempre a difesa della legalità", ha scritto su Twitter il premier Giuseppe Conte.

Il governo, si legge in una nota, delibera "di affidare al Commissario l'incarico prioritario di attuare i Programmi operativi 2019-2021 di prosecuzione del Piano di rientro nonché di tutti gli interventi necessari a garantire, in maniera uniforme sul territorio regionale, l'erogazione dei livelli essenziali di assistenza in condizioni di efficienza, appropriatezza, sicurezza e qualità, nei termini indicati dai Tavoli tecnici di verifica".

 

Longo: "Atto d'amore verso la Calabria" "Ho accettato di fare il commissario per la Sanità come atto d'amore verso la Calabria, che è la Regione in cui mi sono formato professionalmente come funzionario di polizia". Lo ha affermato Guido Longo, precisando: "Il mio è anche un dovere istituzionale verso il  governo, che mi ha scelto e che ringrazio". 

 

Calabria, il caos del commissario alla Sanità

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali