FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bonafede: "Sulla prescrizione non voglio provocare una crisi"

Il Guardasigilli invita la maggioranza a "dialogare meglio su questi temi: lavoriamo"

Sul tema della prescrizione il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, non ha intenzione di "rompere con nessuno o provocare una crisi di governo". Il Guardasigilli invita invece la maggioranza a "dialogare meglio su questi temi: lavoriamo". Anche perché "rifiuto di pensare che una maggioranza con M5s e Pd possa mettere in crisi un governo sulla prescrizione". E da parte dei Cinquestelle "non ci sono veline, ma dichiarazione trasparenti".

"C'è la mia sincera disponibilità a vagliare le proposte del Pd e delle altre forze di maggioranza. La riforma del processo non è solo mia, l'ho scritto a magistrati e avvocati. Se ci sono altre proposte siamo qui per vagliarle", ma "no a strumenti per far rientrare la prescrizione con un altro nome", ha aggiunto Bonafede, rispondendo ai giornalisti sulla prescrizione e la riforma del processo penale.

 

"La giustizia ha avuto un ruolo nella crisi del governo, perché dall'altra parte non sono arrivate proposte. C'è una maggioranza con cui si può dialogare meglio su questi temi e allora dico 'lavoriamo!'", ha affermato Bonafede, precisando che "anche questa mattina ho avuto interlocuzioni con esponenti del Pd e c'è un terreno per cercare soluzioni". La proposta di dare tempi certi oltre i quali decade il processo "è un modo per far rientrare la prescrizione dalla finestra", "la rispetto ma non posso condividerla", ha concluso.

 

Il botta e riposta tra M5s e Pd  Le parole di Bonafede sembrano essere un tentativo per allentare la tensione fra Pd e M5s dopo che i Cinquestelle avevano premuto l'acceleratore nonostante l'intervento del segretario Dem Zingaretti che chiedeva agli alleati di mettere da parte "polemiche insensate" sottolineando che "non si può governare insieme se ci si sente avversari".

 

In una nota, il M5s aveva ribattuto che "con le minacce non si va da nessuna parte" e chiedeva "di essere leali e andare avanti in maniera compatta" per "mettere la parola fine all'era Berlusconi". Il Pd aveva replicato allora a stretto giro: "La riforma della prescrizione è nelle mani del presidente Conte, non certo delle veline del M5s. Serve un intervento correttivo, decida Di Maio se vuole condividerlo con la maggioranza, o lasciare che il Parlamento si esprima".

 

Orlando: "Vogliamo tenere aperto un dialogo" L'apertura di un dialogo tra Pd e M5s è stata confermata dal vicesegretario Pd, Andrea Orlando. "Si è riaperta una interlocuzione", ma per ora è una interlocuzione "vaga: non ci sono ancora elementi di merito", ma "vogliamo tenere aperto un dialogo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali