FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Bologna, Festa dell'Unità senza bandiere e simboli di partito dopo la contestazione di Fratelli d'Italia

Il deputato Galeazzo Bignami ha presentato un esposto per violazione delle regole in campagna elettorale. Il responsabile della festa replica: "Faremo qualche doverosa modifica dettata dalla normativa"

Ansa

La Festa dell'Unità di Bologna, che inizia il 25 agosto, sarà senza bandiere del Pd e senza simboli di partito, ma solo con il logo tradizionale.

La festa era diventata un caso dopo la contestazione di un

deputato di Fratelli d'Italia, Galeazzo Bignami

, che ha presentato un esposto in prefettura per protestare contro l'evento. "E' una

violazione delle regole

: uno spazio pubblico viene dato in concessione a un partito senza rispettare le regole della

campagna elettorale

", ha detto.

 


"Una festa nel rispetto delle regole" -

Ad annunciare una festa senza simboli di partito è stato il Pd di Bologna. "Sarà una festa con qualche doverosa modifica dettata dalla normativa - ha detto il responsabile Lele Roveri - ma con l'anima e l'atmosfera che sempre hanno caratterizzato ogni Festa dell'Unità. Il tutto verrà organizzato nel rispetto delle regole, come sempre è stato. Regole che tutti i partiti politici devono rispettare", ha spiegato. All'inaugurazione sarà presente il segretario Dem Enrico Letta. 


 


L'area del Parco Nord -

La festa dell'Unità di Bologna si svolge, tradizionalmente, al Parco Nord: si tratta di una grande area verde alle porte della città, uno spazio pubblico che attualmente è in concessione a BolognaFiere, una società privata a maggioranza di capitale pubblico.


 


La campagna elettorale -

E secondo Bignami il Parco Nord "non fa parte delle aree individuate dal Comune per la campagna elettorale. Se io volessi organizzare un'iniziativa politica in un'altra area della città al di fuori delle piazze previste, mi verrebbe risposto di no. Il Pd fa una cosa, che, semplicemente, non si può fare. A Bologna le regole valgono per tutti, ma per il Pd valgono sempre meno", ha detto.


 


La risposta del prefetto -

Il prefetto Attilio Visconti aveva già replicato tramite un'intervista al Resto del Carlino. "Bisogna rispettare la legge. Il resto è un appello al buon senso e all'etica politica. Io non posso dare altre indicazioni, se non vigilare che non sia fatta campagna elettorale in contesti impropri. Non dovranno quindi esserci manifesti e cartelloni o appelli al voto. Si potrà invece parlare d'altro. Gli organizzatori della Festa dell'Unità possono fare quello che vogliono, tranne campagna elettorale", ha spiegato.


 


Vaccari (Pd): "Certo dispiace..." -

"C'e' stato un dialogo sereno tra partito, federazione di Bologna e prefettura. Eravamo intenzionati a fare la festa già da prima della campagna elettorale. Rispetteremo le regole per i partiti in aree pubbliche. Nessuno però ci vieta di fare la festa e che alla stessa partecipino i nostri candidati". Lo ha detto Stefano Vaccari, responsabile organizzazione del Pd. I partecipanti "saranno tutti impegnanti a sostenere il Pd e a battere la destra, anche senza il simbolo del partito sui cartelloni. Perché siamo gente seria e responsabile, certo dispiace...", ha concluso.
 


 


In Emilia alla Festa dell'Unità tortellini, lambrusco... e vaccino

Alla Festa dell'Unità di Bosco Albergati, a Castelfranco Emilia (nel Modenese), è stata registrata un'alta partecipazione di giovani: sono arrivati non solo per le serate di musica e piatti della tradizione, ma anche per effettuare la vaccinazione anti-Covid presso la postazione mobile predisposta dall'Usl.

Leggi Tutto Leggi Meno


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali