FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Berlusconi: "Il 70% dei sardi teme per il lavoro e il futuro dei figli"

In un comizio in vista delle Regionali, il leader di Forza Italia afferma: "Sullʼisola ci sono quasi 120mila persone che cercano lavoro ma non lo trovano. Solo con nuovi investimenti si possono creare nuovi posti"

Berlusconi: "Il 70% dei sardi teme per il lavoro e il futuro dei figli"

"Il 70% dei sardi teme per il lavoro e per il futuro dei figli e dei nipoti". Lo afferma il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, durante un comizio a Olbia per sostenere il candidato di centrodestra alla presidenza della Regione, Christian Solinas. "Il dato che mi ha impressionato è che in Sardegna ci sono quasi 120mila persone che cercano lavoro ma non lo trovano. Solo con nuovi investimenti si possono creare nuovi posti di lavoro", aggiunge.

"Unica Asl per la Sardegna è stato un errore" - Secondo Berlusconi, un tema di fondamentale importanza per la Sardegna deve essere la sanità: "Concentrare in un'unica Asl la sanità della Regione è stato un errore. Ce ne saranno tre, oggi il sistema sanitario dell'Isola è carente, servono elicotteri, ambulanze e medici di pronto soccorso che ora non ci sono".

L'appello di Berlusconi: "Siate missionari di democrazia" - Berlusconi lancia quindi un appello al pubblico presente al comizio: "Voi, se siete qui, perché credete nel futuro come noi, lasciate perdere il resto e chiamate tutti, nonne, zie, vecchie fidanzate, trasformatevi tutti in missionari di democrazia e libertà".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali