FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Berceto concede la cittadinanza onoraria a Ocalan. La Turchia convoca l'ambasciatore italiano

Il ministero degli esteri turco definisce inaccettabile lʼiniziativa

Berceto, provincia di Parma, concede la cittadinanza onoraria a Abdullah Ocalan, leader e guerrigliero curdo, per sottolineare le disumane condizioni alle quali l'uomo è sottoposto, da 20 anni incarcerato in isolamento nell'isola-prigione di Imrali. 

Non si è fatta attendere la reazione del Governo turco. Il ministero degli esteri di Ankara ha convocato l'ambasciatore italiano per ribadire la "forte condanna" del governo di Erdogan circa l'iniziativa del comune del parmense di concedere la cittadinanza al leader del Pkk curdo, condannato a morte per terrorismo, pena commutata in ergastolo a vita, La Turchia ha sottolineato anche il fatto che Ocalan rientra nella lista delle persone considerate terroriste dall'Unione Europea. Di diverso avviso è il sindaco di Berceto che ha replicato di "aver solo difeso i diritti civili di un uomo in isolamento da oltre vent'anni. Il fatto che Berceto possa far scoppiare una crisi internazionale tra Turchia e Italia ha aggiunto - mi pare sia una esagerazione".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali