FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Senza 25 aprile", lʼiniziativa del Comune di Reggio Calabria: città tappezzata di manifesti con le leggi fasciste

Lʼobiettivo dei cartelli, che saranno esposti per tutta la giornata della Liberazione, è quello di sensibilizzare sullʼimportanza della Giornata della Liberazione dal regime nazifascista

Come vivremmo oggi se il 25 aprile non fosse mai esistito? La Città Metropolitana e il Comune di Reggio Calabria ha voluto rispondere a questa domanda attraverso un esperimento sociale dal titolo "Senza 25 aprile". La città è stata tappezzata di manifesti con su scritte le leggi fasciste. L'obiettivo dei cartelli, che saranno esposti per tutta la giornata della Liberazione, è quello di sensibilizzare sull'importanza della Giornata della Liberazione dal regime nazifascista.

"Senza 25 aprile", Reggio Calabria tappezzata di manifesti con le leggi fasciste


"Fascismo - si legge in una nota dell’amministrazione comunale riportata da strettoweb.com - è sinonimo di morte, oppressione, oscurantismo, repressione, costrizione. È l’antitesi del buono e del giusto. È il male assoluto, il limite più assurdo, crudele e spietato raggiunto dall’uomo. La libertà di pensiero, di parola, di opinione, di voto, di riunione sono solo alcuni dei Valori che, ormai, diamo quasi per scontati. Ma la libertà può volare via con un soffio. Ogni giorno, nel nostro piccolo, dobbiamo impegnarci per difenderla ed affermarla. La libertà che oggi celebriamo contro qualsiasi forma di governo autoritario, oppressivo ed antidemocratico è un traguardo rispetto al quale non dobbiamo mai abbassare la guardia, nemmeno per un solo istante. Dobbiamo, anzi, opporci con forza a chi, a qualsiasi livello, gridando o in maniera subdola e silente, opera per cancellare noi stessi, le nostre scelte, la forza di non condividere quel che ci viene imposto. La libertà e la democrazia che ci sono state consegnate dai Partigiani prima e dai Padri costituenti poi, sono state pagate a caro prezzo col coraggio e col sangue. È nostro dovere farne sempre memoria. È un obbligo lottare perché ciò che è stato il Ventennio fascista non possa mai più tornare".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali