FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Salvataggio" Carige, Renzi e Boschi: "Governo di bugiardi" | Di Maio: "Fanno ridere, neanche un euro alle banche"

Pd e Fi attaccano la maggioranza. Salvini replica: "Tutelati i risparmiatori".Imprenditore esulta: "Una svolta, verso rinascita". Fassina: "Basta ipocrisie, Renzi salvava banche, loro i risparmiatori"

Monta la polemica politica sul salvataggio Carige. Dopo la mossa del governo, con il decreto legge riguardante garanzie e ricapitalizzazione,Matteo Renzi attacca: "Salvini e Di Maio si devono vergognare. Sono bastati 10 minuti in cdm per smentire 5 anni di insulti e menzogne contro di noi". Altrettanto netta la Boschi: "La parola verità non appartiene al loro vocabolario". Di Maio replica: "Renzi e la Boschi che fanno le vittime fanno ridere".

Di Maio: "Neanche un euro alle banche" - Sul salvataggio di banca Carige, è intervenuto il vicepremier Luigi Di Maio, respingendo le accuse di Renzi. "Non abbiamo dato un euro alle banche", puntualizza Di Maio per il quale lo Stato potrà in casi estremi ricapitalizzare. "Se banca Carige deve essere nazionalizzata - ipotizza - non ci sarà nessun regalo ai banchieri e nessun azionista e obbligazionista truffato".

"Decreto tutela risparmi dei cittadini" - Sul salvataggio, Di Maio ha spiegato: "Nel Cdm abbiamo approvato il decreto che tutela i risparmi dei cittadini che hanno scelto la banca Carige". "Le banche italiane - ha aggiunto - pagano il prezzo di un sistema di vigilanza della Bce che va dotato di strumenti rafforzati di controllo e di intervento. Saremo sempre dalla parte dei risparmiatori e dei correntisti, sempre".

Salvini: "Renzi e Boschi hanno dimenticato i risparmiatori" - Dura è anche la replica a Renzi e Boschi dell'altro vicepremier, Matteo Salvini: "Mentre Renzi e Boschi i risparmiatori li hanno ignorati e dimenticati, noi siamo intervenuti subito a loro difesa senza fare favori alle banche, agli stranieri o agli amici degli amici". "Bene l'azione a tutela dei risparmiatori liguri e italiani e bene il miliardo e mezzo stanziato in Manovra per gli altri cittadini truffati", ha proseguito, commentando il criticato "salvataggio" di Carige.

Fassina: "Basta ipocrisie Renzi salvava le banche" - Una voce fuori dal coro delle opposizioni che attaccano il governo è quella di Stefano Fassina (Leu), che su Twitter scrive: "Bene intervento su Carige. Ora nazionalizzare. Ma basta ipocrisie: con stessi strumenti e soldi dei contribuenti, quelli di prima salvavano i banchieri, Matteo Salvini e luigi Di Maio salvano risparmiatori e lavoratori".

Anzaldi rincara: "Salvate banche in 8 minuti" - "Tutti ricordano le sceneggiate di Di Battista in Aula a Montecitorio, quando accusava il governo del Pd di aver salvato le banche 'in 18 minuti', il tempo di un 'prelievo al bancomat ma con i soldi dei cittadini italiani'. Il suo governo, quello del cambiamento M5s guidato da Di Maio e Salvini, ha fatto meglio: ha salvato Banca Carige in un Cdm lampo di notte durato 8 minuti, dalle 21.33 alle 21.41". Lo ha scritto su Facebook il deputato del Partito democratico Michele Anzaldi, che pubblica il video dell'intervento di Di Battista alla Camera il 12 luglio 2017.

Boccia: "Intervento doveroso" -  L'intervento del governo per Carige "è doveroso, bisogna salvaguardare i risparmiatori e bisogna avere attenzione. E' l'ulteriore dimostrazione che c'è una questione bancaria che non riguarda i banchieri ma riguarda il Paese perché sono quei ponti di collegamento che immettono flussi di liquidità verso la cosiddetta economia reale. E' un gesto di grande responsabilità da parte del governo". Lo ha detto il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia.

Martina: "Dal governo inutile ipocrisia" - "Il governo interviene per Carige come noi siamo intervenuti per tutelare i risparmiatori. Punto. Il resto delle parole dei vicepremier e' solo stupida e inutile ipocrisia". E' quanto scrive su Twitter Maurizio Martina, candidato alla segreteria del Pd.

Cicchitto: "La propaganda di ieri non è il governo di oggi" - "Giustamente, per evitare una mezza catastrofe, il governo interviene sulla crisi della banca Carige. Ma grillini e leghisti non avevano attaccato selvaggiamente i precedenti governi per gli interventi sulle altre crisi bancarie? Ancora una volta si mette in evidenza una contraddizione fra la propaganda di ieri e l'attività governativa di oggi". Lo ha detto Fabrizio Cicchitto, presidente di Riformismo e Libertà.

Gasparri: "M5s vara stessi provvedimenti del Pd" - "Quando Di Maio e Di Battista impareranno a leggere, si accorgeranno che i grillini hanno varato per la Carige un provvedimento identico a quelli fatti nel passato dai governi guidati dal Pd per altre crisi bancarie. Doveroso garantire i risparmiatori, come sempre vittime incolpevoli dei disastri bancari, ma qual è la differenza tra questo intervento del governo Conte, a trazione grillina e quelli fatti nel passato per salvare i disastri dell'Mps e di altri istituti di credito? Nessuna". Lo ha ribadito in una nota il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri.

Imprenditore socio della banca: "Una svolta, verso rinascita" - Esulta per il decreto sul salvataggio di Carige l'imprenditore Aldo Spinelli, socio con l'1% circa della banca. "È una svolta. Credo che oggi ci possa essere la rinascita di Carige", ha evidenziato. "Le parole che abbiamo sentito ci tranquillizzano sui tutti i fronti. Tutti quelli che hanno lavorato, governo, presidente Modiano e a.d. Innocenzi, hanno la competenza e la capacità. La banca può rinascere", ha concluso Spinelli.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali