DOPO LA GRANDE PAURA

Paola Caruso al museo con Michelino, il figlio torna a camminare

La showgirl posta felice le foto del bimbo in via di miglioramento

04 Feb 2023 - 11:20
 © Tgcom24

© Tgcom24

Paola Caruso torna a sorridere dopo la grande paura per il figlio Michelino, vittima di un caso di malasanità in Egitto. Il bambino per colpa di un’iniezione sbagliata non poteva più a muovere una gamba, ora con le cure, la fisioterapia e l’aiuto di un tutore, riesce a camminare. La strada è ancora lunga, ma la showgirl posta felice le prime foto con il piccolo in una giornata di festa al museo a Milano.

 

Al museo a Milano

 Paola Caruso ha portato Michelino al museo dedicato ai sogni a Milano. Alla showgirl pare proprio fantastico poter camminare fianco a fianco al bambino che solo poche settimane fa non riusciva a muovere una gamba. Mamma e figlio si divertono a scattare foto nelle sale allestite tra location idilliache e dolcissime. Postando le immagini di un pomeriggio di serenità mamma e figlio, la Caruso scrive: “Solo chi sogna può raggiungere obiettivi inimmaginabili”. Lei è raggiante e il suo bimbo sprizza gioia da quel visino bellissimo e tenero accanto a lei.

Il racconto del dramma

 Paola Caruso solo una settimana fa ha trovato il coraggio di raccontare quel che le era capitato e che l’ha lasciata con fiato in gola per diverso tempo. Ospite di “Verissimo” ha spiegato che per colpa di un’iniezione sbagliata quando si trovava in vacanza con il figlio in Egitto il bimbo ha avuto una paresi motoria.  La ex bonas di "Avanti un altro" ha ripercorso in tv tra l’emozione e le lacrime le vicende di quel viaggio a Sharm El Sheik: "Michele aveva la febbre e il medico di turno gli ha fatto una puntura e subito dopo quel momento ha iniziato ad avere problemi di deambulazione. Ha provato ad alzarsi ed è caduto dal letto, non sentiva più la gamba perché ha avuto una lesione del nervo sciatico". La cura in Italia non è legale per i minorenni e le conseguenze che dovrà affrontare la Caruso con Michelino sono lunghe. Ora cammina grazie all’uso di un tutore ma dovrà fare un percorso riabilitativo.

A dicembre l’incubo

 Qualche giorno prima di Natale Paola Caruso si era confidata con i follower spiegando le ragioni della sua improvvisa assenza dai social.  “E’ un periodo molto delicato per me e mio figlio, per ora non me la sento di dire di più…” aveva raccontato nelle Storie alludendo a un problema di salute per Michelino. I follower sono rimasti col fiato sospeso e poco dopo la showgirl ha subito pure un ricovero per lo stress. “Ho cercato di essere forte per mio figlio che ha solo me. Ho passato un periodo troppo brutto... anzi, il più brutto della mia vita e ancora continua... Ma sono umana e stavolta sono crollata" aveva detto postando un’immagine che le inquadrava la mano e l'ago cannula sul polso.  "Eravamo a Sharm, siamo dovuti rientrare in Italia d'urgenza per una disgrazia che è capitata a Michele – aveva accennato la showgirl - E' un mese che facciamo accertamenti, che facciamo terapie e continueremo a fare terapie". "Ringrazio tutti coloro che mi hanno scritto perché sono sparita, ho fatto una Storia per dirlo a tutti: è un periodo molto delicato per me e mio figlio, per ora non me la sento di dire di più, anche perché ci sono delle azioni in corso. Quando me la sentirò di dire di più, lo farò anche perché sono successe delle cose gravissime", aveva annunciato. 

Prima dell’incidente

 Paola Caruso prima dell’incidente a Michelino aveva pubblicato delle bellissime foto in Egitto. Sulla spiaggia era apparsa in splendida forma con il suo bimbo al suo fianco. Si trovavano in un resort di lusso e tutto sembrava perfetto. Poi il silenzio social e il dramma di Michelino che ha fatto piombare la showgirl in un incubo. Paola Caruso, 37 anni, è diventata mamma di Michele, avuto dall’ex compagno Francesco Caserta, nella primavera di quattro anni fa.
 

 

Paola Caruso, la festa di compleanno dopo il dramma di Michelino

1 di 16
© Instagram © Instagram © Instagram © Instagram

© Instagram

© Instagram

 

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri