FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Miranda Kerr è diventata mamma: è nato Hart

Primo figlio per la top model e lʼimprenditore Evan Spiegel

Miranda Kerr è diventata mamma: è nato Hart

Fiocco azzurro in casa Spiegel-Kerr. Lunedì, intorno alle 23.50 al Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles, Miranda Kerr ha partorito il primo figlio con Evan Spiegel, co-fondatore di Snapchat. Il piccolo è stato chiamato Hart, come il nonno dell'imprenditore (era un importante avvocato di San Francisco). La top model ha già un altro bambino, Flynn, avuto con Orlando Bloom.

A fine maggio Miranda ed Evan festeggeranno il primo anniversario di nozze... e la nascita di Hart non poteva essere regalo più bello per suggellare il loro amore. "Le parole non possono spiegare quanto siamo felici di accogliere il nostro bellissimo figlio nella nostra famiglia. Miranda sta bene e Flynn è entusiasta di essere un fratello maggiore. Grazie per le gentili parole e auguri in questo momento molto speciale ", hanno detto a "People" i neo genitori in una dichiarazione esclusiva.

La Kerr aveva annunciato di essere in dolce attesa lo scorso novembre per la gioia di Flynn, 7 anni, che non vedeva l'ora di avere un fratellino.

Miranda Kerr ed Evan Spiegel sono diventati genitori

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali