FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Opel resta tedesca e i prodotti non cambiano

Al Salone di Ginevra i modelli tipici del brand

Quando General Motors acquistò la Adam Opel, in Germania Hitler non era ancora al potere. Era il 1929 e il conglomerato di Detroit, che aveva racchiuso tante piccole fabbriche americane (Buick, Cadillac, Chevrolet), comprò lʼ80% delle azioni, passando poi al 100% nel 1931. Poi vennero Hitler e il nazismo, il dopoguerra e Adenauer, le due Germanie divise dal Muro, il Mercato Comune Europeo e poi la CEE, Schmidt e lʼOstpolitik, Kohl e la riunificazione del 1989, fino alla Germania di oggi dominus dellʼUnione Europea. E Opel è sempre stata dentro General Motors, fino a oggi col cambio della guardia e il passaggio ai francesi di PSA. Dopo 88 anni.

Opel allʼ87° Salone di Ginevra

Se la storia ci lascia un insegnamento, allora è giusto pensare che Opel è e resterà un costruttore tedesco in tutto e per tutto. Per tipo di prodotti, per posizionamento di mercato, per sviluppo e strategie. GM lʼha sempre fatto e il numero uno di PSA, Carlos Tavares, ha ribadito che non cambierà di una virgola i piani industriali di Opel. Così al Salone di Ginevra 2017 vediamo quello che già da tempo era in agenda: le nuove Insignia, seconda generazione della berlina ammiraglia, e lʼoriginale Crossland X che prenderà il posto della Meriva ma è unʼauto tutta diversa da questa. Certo, in un prossimo futuro Peugeot e Opel condivideranno qualche motore, le trasmissioni, metteranno insieme economie di scala, ciò che fanno da anni anche Renault e Nissan e Volkswagen coi suoi partner Seat e Skoda.

Ad ogni modo la nuova Opel Insignia Gran Sport berlina e Sports Tourer familiare è davvero unʼauto importante. Un prodotto dʼeccellenza, alleggerito di quasi 200 kg rispetto alla prima serie, con una linea molto dinamica la Gran Sport e il massimo della funzionalità la wagon. Porterà al debutto i nuovi servizi OnStar (un lascito di GM), i fari anteriori Opel IntelliLux a matrice di Led e un pratico head-up display per distrarsi di meno quando si guida. Ci saranno versioni a trazione integrale ed è la prima Opel con un cambio automatico a 8 rapporti.

Ancora più originale si rivela Crossland X, che dopo il Salone svizzero sarà pronto per gli showroom europei. Lungo 4,2 metri, compatto e a 5 porte, il nuovo crossover si distingue nettamente dalla Meriva per stile e assetto, anche se non rinuncia allʼabitabilità importante cui la vecchia monovolume ci aveva abituati. Tra le dotazioni, i fari anteriori adattivi full Led, la retrocamera panoramica da 180 gradi, l’Advanced Park Assist e tante dotazioni elettroniche di sicurezza. I servizi OnStar e lʼinfotainment IntelliLink qualificano la vettura al vertice del segmento C. Opel Crossland X arriva in Italia a maggio, con motori benzina, diesel e Gpl.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali