FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Una moto, tre ruote: Yamaha Niken vince la sfida

Attenzione però, cambia il modo di stare in sella

Osare è il verbo che più si addice a Yamaha. Quando le sue moto vanno forte, in pista come nel cross, e per qualche anno sembrano invincibili, ecco che la Casa di Iwata tira fuori dal cilindro la sorpresa che non ti aspetti. Una di queste è Niken, la grande moto a tre ruote da 115 CV, protagonista questa primavera di un tour conoscitivo in Italia, con una serie di eventi e test ride iniziati a Palermo lo scorso febbraio e che terminano questo fine settimana ad Asiago e sul Lago di Garda.

Eccola, Yamaha Niken

Tgcom24 è andata a provarla e la prima cosa che va detta, subito, è che Niken è una vera moto! Chi si azzarda a fare riferimenti agli scooteroni Yamaha è totalmente fuori strada. La cosa più innovativa ha evidenza assoluta: ha tre ruote. La cosa non è di poco conto, perché come va in curva, come si comporta, è lʼaspetto che più costringe il pilota a cambiare modo di guidare. È qui che sʼiniziano a scoprire i vantaggi della moto giapponese: si entra in curva senza ansie da tombini, asfalto bagnato, brecciolino o buche. Entri in curva, pieghi e la moto ubbidisce, ma anche se entri lungo oppure stacchi al limite, le curve si fanno senza stress e puoi frenare mentre sei piegato senza problemi!

La Niken segue la curva come se fosse su due binari e quasi quasi provoca chi sta in sella, perché induce a pensare: “alla prossima curva piego di più e stacco dopo”. Difficile sintetizzare la sensazione a parole. Per guidare la Niken, il pilota deve pensare sì di essere in sella a una moto normale, con la prerogativa però che il mezzo ti toglie stress e fatica quando si affronta un percorso con tante curve. E la cosa non è scontata per il centauro, va imparata pian piano. Se si viaggia lungo la Costiera Amalfitana o il Ponente Ligure o si sale sui tornantoni del Tonale, beh cʼè solo di che benedire le due ruote davanti.

Nessun difetto? Calma, siamo solo allʼinizio, perché se lʼergonomia è ottima ‒ paragonabile in casa Yamaha a quella della Tracer 900 ‒ a far da contrappasso è la mole della Niken, che pesa 260 kg e nel traffico e nelle manovre da fermo si sentono tutti! In rettilineo è ovviamente stabile e ben bilanciata, ma in città non è proprio a suo agio. La moto ha lo stesso motore 3 cilindri di 847 cc della MT09, quindi ha cavalli e coppia sufficienti, ma la mole si fa sentire nelle accelerazioni. Comunque resta un bel motore, fluido e con una bella spinta anche nei sorpassi, sebbene il cambio ci sia parso un poʼ duro, nonostante la funzione quick shift.

I freni sono un poʼ sottodimensionati per la mole della moto, ma ci sono ABS e controllo di trazione, buono e mai invasivo. Elettronica di rilievo: il Traction Control ha due modalità, lʼacceleratore elettronico sfrutta tre mappature e cʼè il Cruise Control. Insomma niente a che vedere con uno scooter a tre ruote (Yamaha fa anche il piccolo Tricity 125). Questa è una moto vera, per prestazioni e divertimento, solo che è originale, ma forse è unʼidea di evoluzione della moto che hanno in testa gli strateghi Yamaha. Per definire la Niken sono stati creati unʼinfinità di concept. Disponibile in due allestimenti, base e GT, la Niken costa da 14.990 euro.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali