FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Guida autonoma, un italiano su due non si fida!

Lʼauto resta sovrana, bici e mezzi pubblici non decollano

Il primo desiderio degli italiani che guidano è avere maggior sicurezza sulle strade. Al tempo stesso però non si fidano delle auto a guida autonoma, anzi il 48% si dichiara contrario e ritiene che soltanto la presenza fisica di un guidatore garantisca la sicurezza. Sono solo alcuni degli aspetti che emergono dal nuovo Rapporto Censis-Michelin sulla mobilità degli italiani.

Italiani e Automobili, legame strettissimo

Viaggiare sicuri, per gli italiani, vuol dire innanzitutto avere buoni freni e buoni pneumatici. Cʼè poi lʼelettronica di sicurezza ‒ ABS, ESC, i sensori e le telecamere, ecc. ‒ che gli italiani vorrebbero tutti a bordo delle proprie autovetture, salvo poi usarli con parsimonia. Sorprende invece la scarsa attenzione alle cinture di sicurezza e agli airbag: soltanto il 30% degli italiani li considera importanti per la sicurezza. E persino lʼolio nel motore è ritenuto importante prima di mettersi in viaggio soltanto dal 36% degli automobilisti italiani! Per non parlare dell’acqua nel radiatore che preoccupa soltanto il 22% e il corretto funzionamento delle luci appena il 18,5 percento.

Un altro aspetto che emerge dal Rapporto è il legame stretto, strettissimo, che ancora unisce il Belpaese alle quattro ruote. Alle auto nessuno rinuncia per andare al lavoro, altro che bicicletta o mezzi pubblici: “lʼauto è ancora la regina della mobilità degli italiani”, sostiene lʼindagine, poiché il 65,4% degli italiani ‒ pari a 27 milioni ‒ utilizza l’automobile per i propri spostamenti. Nel 2001 il dato era al 57,4%. Sarà la crescente dequalificazione del servizio, ma il trasporto pubblico è sceso del 20,3% dal 2001 a oggi, lo utilizzano appena 1,8 milioni di persone in un giorno feriale medio. Le bici usate sono 1,4 milioni al giorno e le moto 1,2 milioni (-45,7% rispetto al 2001), una goccia nel campo della mobilità.

Eppure il Rapporto Censis-Michelin mette in guardia sullʼutilizzo dellʼautomobile, che in taluni casi scade nel ridicolo. Nel 2017 gli italiani che hanno percorso in media 2 km al giorno in auto sono stati 11,4 milioni! E se si considera la percorrenza tra 2 e 10 km bisogna aggiungere altri 19 milioni. I veri pendolari che invece percorrono oltre 50 km al giorno sono soltanto 1,2 milioni, mentre 9,7 milioni sono gli italiani tra i 10 e 50 km. Insomma, in tanti potrebbero prendere la sana abitudine di andare a piedi! O usare al massimo un mezzo poco inquinante e meno invasivo di unʼauto da parcheggiare.

A difesa dellʼautomobilista italiano cʼè il fatto che il 35% degli spostamenti con lʼautomobile si deve al tempo libero e alla gestione familiare. Si è sempre più di corsa e quindi svolgere le varie mansioni quotidiane tra bambini da accompagnare al mattino a scuola e poi nel pomeriggio a danza, a nuoto, a calcio, a catechismo, e nel mentre fare la spesa e correre a casa, beh tutto ciò richiede di abbreviare i tempi. Forse non accade se ci troviamo imbrigliati nella “rush hour” del tardo pomeriggio, ma almeno speriamo che sia così!

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali