FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Covid-19, lʼindustria tedesca dellʼauto a favore degli eurobond

Senza le aziende fornitrici italiane, lʼindustria dellʼauto tedesca non potrà ripartire del tutto

Fornitori italiani, linfa per lʼauto tedesca

Il Covid-19 unisce lʼindustria dellʼauto europea più di quanto facciano i singoli Stati nazionali. Volkswagen ha riavviato questa settimana la produzione a Zwickau, stabilimento totalmente riconvertito alla produzione di auto elettriche, a cominciare dalla ID.3, ma ha anche ammonito il governo tedesco che la riapertura delle fabbriche deve avvenire in tutta Europa. Senza i fornitori italiani ‒ il nostro è il secondo Paese per forniture automobilistiche alle Case tedesche ‒ la ripartenza sarà azzoppata.

Urge allora sostenere lʼindustria automotive a livello europeo. Troppo intrecciate le filiere produttive, troppo globali le aziende del settore per pensare di ripartire a macchia di leopardo. Già a inizio aprile, in una conference call con la cancelliera Merkel, i tre colossi tedeschi Volkswagen, BMW e Daimler avevano chiesto di aiutare le aziende dei Paesi partner, Italia e Spagna su tutti. Non solo, poiché Herbert Diess, numero uno del gruppo VW, si era anche detto a favore dei coronabond! Il perché è presto detto: secondo stime dellʼAnfia (lʼassociazione delle aziende auto italiane) sono almeno 800 i fornitori italiani della produzione auto tedesca. Nomi prestigiosi e realtà minori ma essenziali.

 

La Germania vale da sola un quarto del totale export delle aziende di componentistica italiane, quasi 5 miliardi di euro su 22 in totale. Un settore per lʼItalia di vitale importanza, che assicura una bilancia commerciale (il saldo tra export e import) in attivo per 6,5 miliardi di euro. Il “made in Italy” automobilistico è dʼaltronde un magnete cui nessun costruttore al mondo riesce a sottrarsi. Nomi come Brembo per gli impianti frenanti o Alcantara per le sellerie sono quasi obbligatori per le auto di alta gamma, ma lo stesso vale per gli pneumatici Pirelli o Recaro per i sedili sportivi e Sabelt per le cinture di sicurezza.

 

Senza dimenticare i designer che firmano le più belle auto in circolazione, o Magneti Marelli che ha rilevato la tedesca Automotive Lighting (oggi tutte nel colosso Calsonic Kansei). È diventata celebre anche la MTA di Codogno, che produce parti elettroniche ed elettromeccaniche per FCA e BMW, perché coinvolta nella prima zona rossa italiana. Insomma riaprire a Zwickau in Sassonia è inutile senza riavviare il motore di tutta lʼindustria auto collegata a livello globale. Il settore auto tedesco conta per il 12% dellʼintero Pil nazionale e il 16% delle esportazioni tedesche nel mondo, dando lavoro a un milione e 600 mila lavoratori tra impianti auto e dellʼindotto.

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali