FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Yazida riconosce aguzzino Isis tra rifugiati: "Lui vendeva le ragazze"

La donna ha riconosciuto lʼuomo in una trasmissione tv e lo ha denunciato anche su Facebook. "Il governo iracheno deve arrestarlo!"

Yazida riconosce aguzzino Isis tra rifugiati: "Lui vendeva le ragazze"

Vede il suo aguzzino in tv, intervistato tra i rifugiati fuggiti dall'Isis, e lo denuncia su Facebook. Ivana Waleed è stata una delle schiave del sesso yazide rapite dagli uomini del califfato e la faccia del suo aguzzino non l'ha dimenticata. "E' lui - ha scritto postando la foto dell'uomo -, si faceva chiamare Abu Ali ed era il responsabile della compravendita di migliaia di ragazze yazide. Io stessa ero una di loro e sono stata venduta da lui a un suo amico".

Ivana è stata intervistata dalla tv satellitare curda Rudaw che aveva mandato in onda il filmato nel quale la ragazza ha visto l'uomo che accusa di essere un mercante di schiave, il quale si sarebbe mescolato tra civili fuggiti in questi giorni dalla città di Tal Afar.

"Questo uomo mi ha comprata e venduta più volte. Non potrò mai dimenticare la sua faccia" ha scritto sulla sua pagina Facebook, Ivana che oggi si trova in Germania dove ha ottenuto lo status di rifugiata.

La ragazza chiede al governo iracheno di arrestarlo e si dice "pronta a venire a testimoniare assieme ad altre decine di yazide davanti ai giudici". E aggiunge: "Prendetelo per favore perché questa bestia potrebbe indicarci che fine hanno fatto centinaia di altre ragazze sparite".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali