FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Violano la legge: lʼAustria chiude sette moschee ed espelle alcuni imam

La chiusura avviene con decreto dellʼufficio della cancelleria competente per le questioni religiose e non è appellabile. La Turchia attacca: "Vienna razzista". Salvini: "No allʼestremismo religioso"

Tolleranza zero in Austria contro i musulmani. Il governo di ultra-destra ha comunicato la chiusura di sette moschee e l'espulsione di alcuni imam. I capi religiosi dell'associazione Atib, Unione turco-islamica per le collaborazione culturale e sociale in Austria, sono accusati di finanziamenti illeciti dall'estero e quindi della violazione della legge austriaca sull'Islam. Inoltre un'altra quarantina di imam rischia di perdere i loro permessi di soggiorno.

Vienna, chiuse 7 moschee: annunci agli ingressi

Alcune persone si sono radunate all'esterno della moschea di Nizam-I Alem Ocagi di Vienna, una delle sette strutture dedicate alla preghiera chiuse in territorio austriaco. Agli ingressi sono apparsi fogli che annunciano il provvedimento preso dal governo nei confronti anche nei confronti dei capi religiosi dell'associazione Atib, l'Unione turco-islamica per le collaborazione culturale e sociale in Austria, accusati di finanziamenti illeciti dall'estero.

leggi tutto

La chiusura riguarda quattro moschee a Vienna, due in Alta Austria e una in Carinzia. La chiusura avviene con decreto dell'ufficio della cancelleria competente per le questioni religiose e non è appellabile. Come ha ribadito il cancelliere Kurz (Oevp) "in Austria non c'è spazio per società parallele e radicalizzazioni". Il vice cancelliere della Fpoe Heinz-Christian Strache ha aggiunto che "non tolleriamo predicatori dell'odio che agiscono in nome della religione".

La chiusura delle moschee in Austria e l'espulsione degli imam "è il frutto dell'ondata anti-islamica, razzista, discriminatoria e populista" nel Paese. Lo ha affermato Ibrahim Kalin, portavoce di Recep Tayyp Erdogan, commentanto su Twitter la decisione di Vienna, accusandolo di voler "trarre vantaggi politici colpendo le comunità musulmane".

Anche il ministro dell'Interno italiano, Matteo Salvini, è intervenuto in merito alla vicenda. "Credo nella libertà di culto, non nell'estremismo religioso. Chi usa la propria fede per mettere a rischio la sicurezza di un paese va allontanato", ha dichiarato via Twitter Salvini aggiungendo: "Spero già la prossima settimana di incontrare il collega ministro austriaco per confrontarci su linee d'azione".

I musulmani in Europa

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali