FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bufera su Trump per video sessista, i repubblicani si dissociano ma il magnate resiste: "Non me ne vado"

La difesa: "Era una conversazione da bagno, ma le chance che molli sono pari a zero"". La Clinton: "Non può essere presidente"

"E' una cosa orribile. Non possiamo permettere che quest'uomo diventi presidente". Così Hillary Clinton su Twitter commenta il video pubblicato dal Washington Post in cui Donald Trump usa frasi sessiste sulle donne. Il magnate parla in termini estremamente volgari. "Era una conversazione da bagno degli uomini", si difende. I vertici repubblicani spingono per un cambio della guardia ai vertici con Mike Pence, ma il magnate non ci sta: "Le chance che io molli sono pari a zero"


Il contenuto del video - Il filmato risale al 2005, pochi mesi dopo il matrimonio con la terza moglie Melania: si sente il magnate parlare in termini estremamente volgari. Trump stava arrivando sul set di una trasmissione. Parla del fallito tentativo di sedurre una donna, il cui nome è censurato nel video: "Ci ho provato, ma non è andata", dice.

"Quando sei una star, le donne ti lasciano fare tutto..." - "Ho tentato di sc..., era sposata. Ci ho provato pesantemente. L'ho portata fuori da un negozio di mobili, voleva comprarne. Le ho detto 'ti mostro io dove ne hanno di belle'", dice il repubblicano. E conclude: "Ci ho provato come con una prostituta, ma non ce l'ho fatta". In un altro passaggio, Trump incontra l'attrice Arianne Zucker e dice: "Devo mangiare delle caramelle, nel caso della baciarla. Sai che sono automaticamente attirato dalla bellezza, inizio semplicemente a baciarle, è come un magnete, non aspetto". E conclude: "Quando sei una star, te lo fanno fare, puoi fare tutto".

La dura reazione dei repubblicani - I vertici del partito repubblicano si dissociano e condannano le affermazioni del tycoon. "Nessuna donna dovrebbe essere descritta in questi termini o trattata in questa maniera", afferma il leader del Grand Old Party, Reince Preibus, definendo le parole di Trump "oscene". Lo speaker della Camera Paul Ryan si è detto 'disgustato' dalle parole di Trump e ha annullato la presenza a un evento elettorale in Wisconsin con il tycoon, cancellato poi dallo stesso Trump. Fonti vicine al magnate commentano che il video potrebbe essere "la pietra tombale" sulla sua campagna elettorale.

Stroncata ogni ipotesi di switch con Pence - Un cambio della guardia tra Trump e il suo attuale candidato a vice preseidente Mike Pence piace ai vertici repubblicani, ma il tycoon lo esclude categoricamente: "Le chance che io molli sono pari a zero, ha detto, il supporto nei miei confronti è incredibile". E a conferma delle sua convinzione arriva anche un irriverente tweet: "Di sicuro sono state 24 ore interessanti".

 Le scuse: "Ho sbagliato" - "Ho sbagliato e mi scuso". Dopo la bufera, Trump ha diffuso una dichiarazione, spiegando che "era una conversazione da bagno degli uomini, una conversazione privata che si è svolta molti anni fa. Bill Clinton mi disse cose ben peggiori sul campo da golf, che nemmeno si avvicinano a queste". La nota continua: "Mi scuso se qualcuno è rimasto offeso". Trump più volte in passato ha criticato l'ex presidente, marito della sfidante, per la sua infedeltà. Lei è stata cricata per averglielo "consentito".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali