FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Venezuela al referendum per l'annessione dell'Essequibo: si rischia una guerra

Caracas reclama il controllo della regione, area della Guyana ricca di petrolio: Maduro non esclude una dimostrazione di forza

Venezuela al referendum per l'annessione dell'Essequibo: si rischia una guerra - foto 1
-afp

Il referendum organizzato dal governo del Venezuela sulla sovranità della regione dell'Essequibo rischia di scatenare un conflitto armato con la Guyana, di cui fa attualmente parte.

Tra i quesiti della consultazione in programma domenica infatti vi è la trasformazione della regione - ricca di risorse petrolifere - in un nuovo stato della Repubblica venezuelana.

Maduro pronto a una guerra

 Non è chiaro quali sarebbero le implicazioni legali di un'eventuale approvazione, ma sta di fatto che il governo del presidente Nicolas Maduro potrebbe voler sfruttare la vicenda a scopi elettorali - non esclusa una dimostrazione di forza.

Caracas, come ricorda il quotidiano britannico The Guardian, reclama la sovranità sull'Essequibo fin dalla sua indipendenza, nel 1811. La regione - un'area di foresta pluviale quai totalmente impenetrabile - tuttavia è abitata in gran parte da persone provenienti dalla Guyana - che non a caso nel 2018 ha chiesto alla Corte Internazionale di Giustizia di regolare la questione. Per una sentenza tuttavia ci vorranno anni, e nel frattempo Maduro - che contesta l’autorità della corte - ha deciso di chiedere ai cittadini se Caracas debba ignorare l'arbitrato e annettere quanto ammonta a due terzi del territorio dell'attuale Guyana, concedendo ai residenti - di lingua inglese - la cittadinanza venezuelana.

I tentativi di sospensione

La Guyana ha chiesto al Tribunale di far sospendere il referendum, ma Caracas ha ribadito di voler procedere col voto; se tutti i governi venezuelani hanno periodicamente riesumato la questione specie in periodi di crisi interna, Maduro si è spinto molto più in là dei suoi predecessori. Dal 2015 infatti nella regione sono state scoperte ingenti riserve petrolifere, il che ha portato Maduro a premere l'acceleratore sulla retorica patriottica e accusare sia la Guyana che le grandi compagnie petrolifere di voler rubare la terra venezuelana attraverso un "colonialismo giuridico".

Esito scontato

 È probabile che la campagna sciovinista di Maduro abbia successo: l'Essequibo è forse l'unica grande questione politica interna su cui una cittadinanza estremamente polarizzata si trova fondamentalmente d'accordo, e l'approvazione del referendum viene data per scontata. Tuttavia, se i costi militari di un'invasione potrebbero non essere eccessivi, vista la disparità delle forze in campo, quelli diplomatici potrebbero essere elevati: sulla questione Maduro non gode del sostegno di nessun altro Paese sudamericano, neanche del tradizionale alleato cubano.

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali