FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Usa, perquisizioni dell'Fbi nella residenza di Donald Trump in Florida | L'ex presidente: "Attacco alla mia candidatura"

Il blitz nella residenza di Mar-a-Lago mentre il tycoon era a New York. La Casa Bianca: "Biden non è stato informato"

Il cerchio della giustizia si stringe attorno a Donald Trump.

L'Fbi ha perquisito il suo

buen retiro di Mar-a-Lago

, in Florida, la "Casa Bianca d'inverno" diventata la sua residenza privata alla fine del mandato. Una mossa senza precedenti nella storia degli Stati Uniti proprio mentre il dipartimento di Giustizia, finora piuttosto timido nelle sue indagini sul tycoon, ha dato una netta accelerata a tutte le inchieste nelle quali è coinvolto Trump: dall'assalto a Capitol Hill, alle frodi elettorali in Georgia, ai contenziosi con il fisco a New York. La Casa Bianca: "Biden non è stato informato del blitz".

 



 


Nelle ultime ore un'altra batosta per l'ex presidente, dopo che un tribunale ha stabilito che dovrà consegnare le sue dichiarazioni dei redditi al Congresso. La notizia del blitz è stata data dallo stesso tycoon che, in una nota alla Cnn e in un post sul suo social Truth, si è presentato come la

vittima di un nuovo Watergate

. "Questi sono tempi bui per la nostra nazione: la mia bella casa, Mar-a-Lago a Palm Beach, in Florida, è attualmente sotto assedio, perquisita e occupata da un folto gruppo di agenti dell'Fbi. Hanno persino fatto irruzione nella mia cassaforte!", ha attaccato l'ex presidente.


 


Blitz dell'Fbi a casa di Trump, a Mar-a-Lago protestano i sostenitori dell'ex presidente


"Dopo aver lavorato e collaborato con tutte le principali agenzie governative questo raid non annunciato nella mia residenza non era né necessario né appropriato", ha tuonato Trump ripetendo per due volte in poche righe la parola "raid" allo scopo di insinuare che non si sia trattata di una regolare perquisizione autorizzata da un giudice, ma di un

atto violento frutto della "strumentalizzazione della giustizia"

da parte dei "democratici di sinistra radicali che vogliono disperatamente evitare che mi candidi alle elezioni del 2024".


 



 


"Qual è la differenza tra questo e il Watergate?", ha chiesto infine provocatoriamente il tycoon. "L'unica differenza è che qui sono i democratici che

hanno fatto irruzione nella casa del 45esimo presidente degli Stati Uniti

". Al momento dell'arrivo dei federali, alle 10 di lunedì, Trump non era a Mar-a-Lago ma nel suo grattacielo a New York e poi sembra si sia rifugiato nel golf club di Bedminster, in New Jersey. E' stato il figlio Eric ad avvertirlo del blitz.


 


Lo scopo della perquisizione - ormai quasi certo anche se nessuna conferma ufficiale è arrivata dal dipartimento della Giustizia - erano

15 scatoloni di documenti classificati

che l'ex presidente aveva portato via dalla Casa Bianca alla fine del suo mandato e che sono stati restituiti ai National Archives soltanto a gennaio dopo un anno di contrattazioni, sminuite da Trump come "procedure di routine". Fonti informate hanno raccontato che i federali hanno fatto irruzione nella cassaforte nello studio di Trump e ne sono usciti con dei contenitori di documenti.


 


L'interesse dell'Fbi sulle

famose carte segrete

era iniziato mesi fa quando un piccolo gruppo di agenti, accompagnati da un alto funzionario del dipartimento della Giustizia, aveva fatto visita a Mar-a-Lago. In quell'occasione era presente anche Trump che tuttavia si era limitato a salutare lasciando poi due suoi avvocati, Christina Bobb ed Evan Corcoran, a rispondere alle domande. Per un presidente impossessarsi di documenti di Stato è un reato federale ma secondo molti osservatori è difficile che il tycoon possa essere incriminato per questo e finire addirittura in carcere.


 


"Nessuno è al di sopra della legge, neanche un ex presidente"

, ha attaccato la speaker della Camera Nancy Pelosi, agguerrita avversaria di Trump. Che la perquisizione possa essere un colpo per la candidatura alle elezioni del 2024 è tutto da dimostrare. Poche ore dopo il blitz una ventina di sostenitori si è radunata fuori da Mar-a-Lago sventolando le bandiere e urlando lo slogan "Make America Great Again".


 


Lo stesso ex presidente ha pubblicato sul suo social un

video elettorale di 4 minuti

in cui denuncia il declino degli Stati Uniti e assicura "presto" un ritorno alla grandezza. E i repubblicani, negli ultimi mesi spesso in imbarazzo per gli sviluppi dell'inchiesta sull'assalto a Capito Hill, questa volta hanno fatto muro e difeso Trump minacciando di tagliare i fondi dell'Fbi ridotto, secondo loro, a strumento politico nelle mani dei democratici.


 


"Il presidente americano Joe Biden non è stato informato del blitz dell'Fbi nella residenza di Donald Trump in Florida.

Nessuno alla Casa Bianca sapeva

", assicura la portavoce Karine Jean-Pierre, in un briefing con la stampa, sottolineando che "il dipartimento di Giustizia è indipendente e conduce le sue indagini in modo autonomo".


 


Per Trump, al contrario, è stato "un attacco coordinato della sinistra radicale dei democratici e delle autorità giudiziarie. Non siamo meglio di un paese del terzo mondo, di una repubblica delle banane. Questo non è altro che il proseguire delle indagini per la Russia, della bufala dell'impeahcment 1 e 2 e del rapporto di Mueller". Biden, ha sostenuto, "

sapeva tutto

, così come sa tutto degli accordi di Hinter", suo figlio.


 



TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali