FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Usa, New York restituisce all'Italia 200 antichità rubate

Il generale dei carabinieri a capo del comando Tutela del Patrimonio Culturale è subito partito per recuperare le reliquie

Ansa

New York restituisce all'Italia 200 antichità rubate, e recuperate dagli investigatori americani, dal valore complessivo di 10 milioni di dollari. Il procuratore di Manhattan, Cyrus Vance, ha spiegato che  la maggior parte dei reperti è legata alle indagini condotte su Edoardo Almagià, un antiquario italiano che ha vissuto fino al 2003 a New York. Almagià era indagato in Italia per il traffico e la vendita di manufatti rubati ad acquirenti americani.

Il Generale di Brigata dell'Arma Roberto Riccardi, che dirige il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, è volato negli Stati Uniti per prendere possesso degli oggetti. "La cosa più importante è che questi preziosi reperti archeologici tornino perché fanno parte della nostra identità culturale", ha detto al New York Times Roberto Riccardi. Tutti i reperti che saranno restituiti all'Italia erano in mano a persone ed istituzioni che volontariamente hanno accettato di riconsegnarli. Tutti li avevano acquistati da intermediari i quali a loro volta si erano interfacciato con Edoardo Almagià il quale ha operato come antiquario dal 1980 fino al 2006.

 

Almagià si è difeso dicendo che "ci sono migliaia di oggetti d'arte che viaggiano per il mondo senza documenti e in passato era sempre così" solo ora, dice ancora, "la regolamentazione italiana e americana è diventata più severa". "Perché solo ora? Si potrebbero spendere tutti quei soldi per riparare i musei italiani anziché perseguitare i commercianti", ha detto ancora Almagià.

 

Per decenni Edoardo Almagià è stato indagato dalle autorità americane e italiane. Nel 2012 subì un processo con l'accusa di saccheggio di tombe etrusce e romane, la magistratura italiana lo ha assolto ma gli ha imposto la confisca di tutte le reliquie in suo possesso scrivendo che i suoi affari hanno contribuito a "uno dei più grandi saccheggi del patrimonio culturale italiano". In una intervista anni fa Edoardo Almagià disse: "Ho venduto cose dall'Italia, ci sono oggetti nei musei statunitensi che indubbiamente sono stati rubati dagli scavi ma quando non sono oggetti della massima importanza, penso che dovrebbero rimanere lì in modo che possano essere apprezzati dai visitatori americani”.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali