FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Usa, la Corte Suprema conferma il bando di Trump contro i musulmani

Dai giudici arriva il via libera definitivo al provvedimento riguardante i cittadini di alcune nazioni a maggioranza islamica: "Eʼ legale"

Usa, la Corte Suprema conferma il bando di Trump contro i musulmani

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha confermato il "Muslim ban", il bando emanato dal presidente Donald Trump contro gli immigrati provenienti da alcuni Paesi musulmani. Con una decisione sofferta (cinque voti a quattro) i giudici hanno respinto la tesi secondo la quale il provvedimento discrimina i fedeli islamici o eccede l'autorità del numero uno della Casa Bianca.

La Corte suprema americana ha quindi stabilito che Trump non ha violato la costituzione statunitense quando nel settembre dello scorso ha firmato un provvedimento per vietare l'ingresso in America alle persone di alcune nazioni a maggioranza musulmana: Libia, Iran, Somalia, Siria e Yemen, oltre a Corea del Nord e ad alcuni cittadini legati al governo del Venezuela. Il Sudan è invece stato depennato dalla lista rispetto ai precedenti provvedimenti; quella di settembre rappresenta infatti la terza versione del "travel ban", dopo che i precedenti due erano stati bloccati perché ritenuti incostituzionali da diversi tribunali americani.

Come detto, il via libera è arrivato con cinque voti a favore da parte dei giudici supremi, a fronte dei quattro contrari. L'ok definitivo pone fine quindi ad una disputa iniziata a gennaio 2017, quando Trump (in carica da appena una settimana), firmò il primo "travel ban".

Nel corso di un anno e mezzo le diverse versioni del provvedimento sono state più volte contestate da vari tribunali, che accusavano il documento di prendere di mira una minoranza religiosa, nonostante l'inserimento nel bando di Corea del Nord e (parzialmente) Venezuela. Il divieto comunque era entrato in vigore già lo scorso dicembre, quando i nove giudici supremi avevano accettato di esaminare il caso. Ai cittadini dei Paesi citati perciò non è permesso entrare in Usa né per motivi di lavoro né per viaggio o studio.

Per Trump (che ha twittato la sua soddisfazione dopo la decisione della Corte Suprema) il provvedimento ha importanza fondamentale nella protezione della sicurezza nazionale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali